fbpx

Dalla Scuola Secondaria di I grado di Molochio parte “Un treno per la Memoria”

La splendida iniziativa che ha visto protagonisti gli alunni in vista della Giornata della Memoria

Un treno per la memoria

È stata una settimana davvero intensa per gli alunni della Scuola Secondaria di I grado di Molochio, protagonisti indiscussi della manifestazione “Un treno per la Memoria”. Presenti all’evento: il Dirigente Scolastico dott.ssa Francesca Maria Morabito, la Responsabile di plesso Concetta Garreffa, il sindaco Dott. Marco Caruso, l’assessore alla Pubblica Istruzione Vita Malivindi, il Maresciallo Salvatore Benedetto Carrabotta, Comandante della Stazione dei Carabinieri di Molochio, il parroco Don Giuseppe Sabato.

Per l’occasione, il corridoio della scuola si è trasformato in una vera e propria stazione ferroviaria e su binari speciali, capaci di sincronizzare il presente con il passato, a viaggiare non è stato un treno qualunque, ma “un treno umano” che ha condotto i presenti nei luoghi della Memoria puntando i riflettori su episodi che non vanno dimenticati, perché ricordare aiuta a non ripetere gli errori già commessi.

L’evento è stato organizzato sulla scia delle emozioni scaturite dalla lettura delle coinvolgenti pagine del libro di Liliana Segre, “Fino a quando la mia stella brillerà”, proposto nell’ambito del progetto “Libriamoci” cui l’Istituto Comprensivo Oppido- Molochio- Varapodio ha aderito con grande entusiasmo. Gli alunni, coordinati dalle docenti di lettere prof.ssa Barbuto e prof.ssa Crisafulli, si sono impegnati per alcune settimane in una serie di ricerche e approfondimenti sulla figura della Senatrice a vita Liliana Segre e, più in generale, sulla tragedia dell’Olocausto.

Sono stati realizzati striscioni e cartelloni curati nei minimi dettagli (grazie alla supervisione del docente di arte, prof. Domenico Impiombato) e presentati con grande orgoglio dai ragazzi che con ammirevole disinvoltura hanno illustrato alle autorità presenti il lavoro svolto. Le riflessioni emerse dal corposo lavoro di ricerca sono state sintetizzate egregiamente in un percorso narrativo originale volto ad esaltare il valore dell’empatia.

Guardando da una prospettiva diversa agli orrori ed alle ferite insanabili che contrassegnarono la Seconda Guerra mondiale e la tragedia nella tragedia che essa produsse, gli alunni delle tre classi hanno voluto omaggiare “I Giusti” che con coraggio eroico lottarono per la difesa dei valori umani. Schindler, Irena Sendler, Liliana Segre, testimoniano che esiste sempre un’alternativa all’indifferenza: il male può essere sconfitto con l’altruismo e la solidarietà che scandiscono il tempo dell’anima.

Il fischio del treno ha segnato, di volta in volta l’arrivo alle varie fermate dove gli alunni, togliendo “il velo dell’oblio”, hanno svelato l’identità dei personaggi la cui storia è stata raccontata con pathos e commozione. L’ultimo viaggio del treno è stato accompagnato dalle note della canzone di Francesco Guccini “Il bambino nel vento”, brano che affronta il delicato tema dell’Olocausto, raccontando l’orrore e la ferocia dei tedeschi, attraverso le parole di un bambino deceduto ad Auschwitz.

Finita la rappresentazione, gli alunni si sono seduti cedendo la parola al sindaco, Dott. Marco Caruso, che ha letto il capitolo “Non puoi più andare a scuola” del libro di Liliana Segre. In maniera suggestiva il sindaco è riuscito a ricreare l’atmosfera presente nelle pagine intense e significative e ad amplificare l’emozione del pubblico portandolo all’interno della narrazione.

La parola è passata al Dirigente Francesca Maria Morabito che si è complimentata con i ragazzi ed i docenti per l’originalità dell’evento organizzato. Non si è trattato di una semplice ricostruzione di fatti storici tristemente noti, ma sono state toccate le corde del sentimento e dell’empatia, condicio sine qua non per comprendere fino in fondo ciò che accadde in quei tormentati anni. Lo scorrere del tempo allontana sempre di più le nuove generazioni da quei drammatici avvenimenti e la Scuola è il luogo privilegiato per coltivare il valore della Memoria e restituire alla Storia il suo ruolo autorevole di Magistra vitae.