fbpx

Arresto Messina Denaro, Coldiretti: “colpo mortale ad un sistema mafioso con interessi in comparti dell’agroalimentare”

Arresto Messina Denaro, Coldiretti: "la criminalità, con l’intermediazione, distrugge la concorrenza e il libero mercato legale soffocando l’imprenditoria onesta"

Matteo messina denaro

“Dai campi alla tavola l’agroalimentare è diventato un settore prioritario di investimento della malavita con il business criminale delle agromafie che ha superato i 24,5 miliardi di euro”. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nell’esprimere apprezzamento per la cattura di Matteo Messina Denaro ed il ringraziamento ai magistrati, ai carabinieri dei Ros e a tutte le forze dell’ordine. “Un colpo mortale ad un sistema mafioso con interessi radicati in vasti comparti dell’agroalimentare come dimostra il fatto che – sottolinea la Coldiretti – a favorire la latitanza del boss sembra essere stato un commerciante di olive che gestiva un centro per l’ammasso delle cultivar Nocellara del Belice alla periferia di Campobello di Mazara e che tra i doni preferiti per i sanitari c’erano olio o altre specialità contadine. La criminalità, con l’intermediazione, distrugge la concorrenza e il libero mercato legale soffocando l’imprenditoria onesta, anche compromettendo – denuncia la Coldiretti – in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy”.

“Le mafie nelle campagne – continua Coldiretti – operano attraverso furti di attrezzature e mezzi agricoli, racket, abigeato, estorsioni, o con il cosiddetto pizzo anche sotto forma di imposizione di manodopera o di servizi di trasporto o di guardiania alle aziende agricole, danneggiamento delle colture, aggressioni, usura, macellazioni clandestine, caporalato e truffe nei confronti dell’Unione europea fino al controllo di intere catene di supermercati e ristoranti. L’arresto rappresenta dunque un momento storico che – conclude Prandini – mette la parola fine ad una latitanza che ha impoverito l’economia e la reputazione del Paese”.