fbpx

Sicilia, bagarre all’Ars: De Luca occupa l’aula, i motivi

Respinta la richiesta di Sud chiama Nord e Sicilia Vera di sospensione dei lavori dell’aula. Cateno De Luca occupa l’aula: "il testo presentato rappresenta l’ennesimo atto di sciacallaggio politico"

sindaco messina cateno de luca

Caos all’assemblea regionale siciliana sul documento sulle variazioni di bilancio presentato dalla maggioranza di Centro/Destra che sostiene il presidente Renato Schifani. Il leader di Sud Chiama Nord e Sicilia Vera, Cateno De Luca intervenendo in aula, non le manda a dire: “la richiesta di sospendere i lavori per almeno due ore nasceva dalla necessità di approfondire gli emendamenti che sono stati presentati a questa aula, ma soprattutto è necessario anche approfondire il testo così com’ è stato depositato in commissione bilancio e per come è stato esitato. Per noi è fondamentale prima di tutto renderci conto di cosa quest’aula oggi è chiamata ad esaminare e quindi per questi motivi ho posto una pregiudiziale ben precisa e una richiesta di sospendere i lavori per almeno due ore perché è indispensabile comprendere non solo i riferimenti normativi, ma è necessario capire anche qual è stata la dinamica che ha portato alla modifica di un testo che è stato ritenuto intangibile da parte dell’assessore al bilancio”.

“Ho visto che alcuni articoli sono stati tolti anche perché sappiamo tutti quanti che con la variazione di bilancio non si può incidere su pluriennale, vale per i comuni figuriamoci per la regione, ma sono rimasti una serie di articoli estranei alla materia ed è ovvio che questo è il primo atto che il Parlamento siciliano affronta. Questo è il debutto del governo Schifani su un primo provvedimento. Riteniamo fondamentale capire in quali mani siamo rispetto a quelle che sono le regole che quest’aula deve seguire e siccome il tracciato che deriva dal primo provvedimento poi è quello che condizionerà il modus operandi evidenzio che rispetto ad alcune materie che ho visto inserite nell’ambito di questo provvedimento ci sono articoli che nel corso dell’aula richiameranno altre marchette. Siamo di fronte ad un atto di sciacallaggio politico. La necessità di inserire norme in questo provvedimento per aiutare i comuni non giustifica l’inserimento di materie estranee alla variazione di bilancio in violazione del dlgs 118/11 e non si può accettare che l’azione di sciacallaggio sia finalizzata anche a coprire alcuni illeciti contabili che dal mio punto di vista si sono già consumati e ai quali adesso si tenta di mettere una pezza“, rimarca De Luca.

“Dovremmo anche capire come nasce e come si arriva all’aumento di giornate lavorative solo per un gruppo di persone senza la copertura finanziaria! Ora illecitamente si propone all’aula di metterci una pezza. Più volte in commissione bilancio sono state chieste spiegazioni agli assessori competenti, ma non abbiamo avuto alcuna risposta. Ribadisco ai colleghi che noi siamo disponibili a rivedere a seguito di una disamina, che questa sospensione può garantirci, il testo con un confronto col Governo affinché chiarisca ciò che oggi non è chiaro. Siamo pronti a ritirare i nostri emendamenti, siamo pronti anche a prenderci la responsabilità, insieme agli altri, di tutti quei provvedimenti che effettivamente sono urgenti, ma non è pensabile oggi procedere alla discussione e all’eventuale approvazione di un testo che rappresenta l’ennesima marchetta politica. Discutiamone e definiamo insieme quali sono le vere urgenze di questo provvedimento. Abbiamo occupato l’aula e proseguiremo. Chiediamo che vengano ritirate le norme che non attengono al provvedimento. Chiediamo onestà e chiarezza nei confronti dei siciliani. Il Governo ci dica ora cosa vuole fare rispetto agli articoli riguardanti la materia estranea. Qual è la logica di questa variazione di bilancio? Vogliamo una risposta dal Governo e la vogliamo adesso”, conclude De Luca.