fbpx

La Reggina, i quotidiani e la parolina magica: “Inzaghi rischia di anticipare il progetto triennale per la A”

Anche i giornali nazionali più importanti cominciano a nominare quella parolina magica che dentro le mura del Sant'Agata non vogliono sentire: Serie A

Reggina-Palermo inzaghi Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Le aperture dei quotidiani sulla Serie B non possono che esaltare la Reggina. Fuga dal terzo posto e avvicinamento alla capolista Frosinone, che sarà ospitata giovedì al Granillo. Anche i giornali nazionali più importanti cominciano a nominare quella parolina magica che dentro le mura del Sant’Agata non vogliono sentire: Serie A. Sia Gazzetta dello Sport che TuttoSport fanno cenno al salto di categoria, ma non ditelo a Inzaghi che continua (pubblicamente, salvo raro eccezioni), a mantenere un profilo basso. “Reggina, attacco alla vetta: rivincita Pippo, Brescia KO”, è l’apertura della rosea. “Attacco alla vetta. L’avviso della Reggina – si legge – arriva come una tazza di the caldo nel gelo di Brescia, sorseggiato sull’onda del risultato di Bolzano. Il Frosinone capolista adesso è a 3 punti e giovedì al Granillo c’è lo scontro diretto. E dietro il solco diventa voragine, con 6 punti di vantaggio sulla zona playoff. L’imprevedibilità della B smonta ogni certezza, ma la squadra di Inzaghi rischia di anticipare di due anni il progetto triennale di Serie A. L’ha dimostrato a Brescia, nella partita che il tecnico sentiva di più dopo il trattamento che gli ha riservato Cellino (ieri assente) la stagione scorsa. Pippo covava così tanta voglia di rivalsa che la sua squadra ci ha messo solo 11 minuti per soddisfarla. E così la partita è finita in largo anticipo”. 

Reggina, un colpo da A. È la vendetta di Inzaghi. Pippo gela il Brescia, vittoria in tasca dopo 12’ grazie alle reti di Fabbian (5° centro) e Menez. Amaranto a -3 dal primo posto e +6 sul terzo”, è invece l’apertura di TuttoSport. Per il Corriere dello Sport, poi, “Fabbian più Menez. Reggina micidiale. Gli amaranto ipotecano la gara con una partenza sprint. Due gol nei primi 11 minuti chiudono la pratica Brescia. Inzaghi vive la sua rivincita e si porta a -3 dal Frosinone”.