fbpx

Viadotto Ritiro, l’Uil: “le bugie hanno le gambe corte, oggi il cantiere è fermo”

viadotto ritiro messina

Messina, l’Uil: “la smentita della Toto in merito alla nostra puntuale denuncia riguardante il fermo dei lavori presso il cantiere del viadotto Ritiro è clamorosamente smentita dai fatti concreti”

“Come volevasi dimostrare, la smentita della Toto in merito alla nostra puntuale denuncia riguardante il fermo dei lavori presso il cantiere del viadotto Ritiro è clamorosamente smentita dai fatti concreti che sono duri come la pigna e non possono essere piegati ai capricciosi desideri di chicchessia. Infatti, a seguito di una nostra verifica possiamo comunicare che alle ore 9.35 di oggi le lavorazioni nel cantiere sono pressoché ferme in quanto sono presenti soltanto 12 lavoratori in un cantiere che, per le dimensioni e per il rispetto dei tempi di consegna, necessita della presenza attiva di decine e decine di operai, al netto dei dipendenti amministrativi e di supporto”, lo hanno dichiarato Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina e Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil Messina-Palermo.

“Quindi, la Toto Costruzioni, al netto dei sofismi dialettici, nei fatti, ha confermato quanto affermato durante la riunione di venerdì scorso, vale a dire: non recede ufficialmente da tutti i suoi appalti italiani, ma ha deciso di tirare il freno a mano con buona pace, nel caso nostro, della collettività messinese. Appare, pertanto, chiaro ed incontrovertibile come la nostra preoccupata denuncia finalizzata a salvaguardare l’occupazione e a lanciare un serio allarme sulle prospettive dell’appalto del Viadotto Ritiro è assolutamente fondata e basata su fatti inconfutabili. Ribadiamo, infine, che non faremo sconti a nessuno e siamo pronti ad una mobilitazione generale per evitare che nel Viadotto Ritiro si consumi l’ennesima incompiuta”, hanno così concluso Ivan Tripodi e Pasquale De Vardo.