fbpx

Vaccini, Spirlì rincara la dose e si pente: “la mia rabbia? Essere stato ‘convinto’ che fosse miele”

spirlì vaccino

L’ex Governatore f.f. della Calabria, che già qualche settimana fa sui social aveva inveito contro, sull’argomento, ora ci ritorna con una frase abbastanza significativa

Nino Spirlì continua a dire la sua contro la campagna mediatica relativa ai vaccini anti-Covid, quella che ha obbligato indirettamente gran parte della popolazione a vaccinarsi perché altrimenti non sarebbe potuta andare al cinema o al ristorante, ma anche quella che ha obbligato gli operatori sanitari a procedere alle dosi a meno che non avessero accettato la sospensione, poi avvenuta per alcuni, che ora saranno reintegrati dopo decisione del nuovo Governo. L’ex Governatore f.f. della Calabria, che già qualche settimana fa sui social aveva inveito contro, sull’argomento, ora ci ritorna con una frase abbastanza significativa: “La mia rabbia? Essere stato ‘convinto’ che fosse miele…”, ha scritto sui social condividendo uno spezzone di video di Mario Giordano nel corso di “Fuori dal Coro”, all’interno di una puntata in cui il giornalista analizzava i dati sulla campagna.

Intanto, lo stesso Spirlì non è più vice presidente del MUSABA. E’ lo stesso Museo ad annunciarlo tramite una nota social: “Hiske Maas, dopo varie riflessioni, è arrivata alla conclusione che la Fondazione MUSABA Spatari/Maas non necessita di un vice-presidente – si legge – Ringrazia Nino Spirlì per il suo supporto nella promozione del MUSABA e per far conoscere ancora di più l’arte e l’architettura di Nik Spatari… Comunque continuerà questa amicizia”.