fbpx

Ritmica Restart, le giovani reggine Morabito e Squillaci trionfano ai campionati regionali individuali

/

Grande soddisfazione da parte del sodalizio reggino, coordinato dalla direttrice Marilena D’Arrigo, dato che le due nuove campionesse regionali sono riuscite a centrare la vittoria nonostante la giovane età e nonostante si trattasse per loro di una nuova esperienza nel salto di livello competitivo

Un’altra domenica di trionfi per la Ritmica Restart che dal PalaConi di Catanzaro torna con due primi posti al termine dei campionati regionali individuali. Grande soddisfazione da parte del sodalizio reggino, coordinato dalla direttrice Marilena D’Arrigo, dato che le due nuove campionesse regionali sono riuscite a centrare la vittoria nonostante la giovane età e nonostante si trattasse per loro di una nuova esperienza nel salto di livello competitivo. Mariarosaria Morabito e Giada Squillaci, entrambe classe 2013, hanno disputato infatti, rispettivamente, la categoria Allieve 1 LC ed LD.

Sono stati 22.400 i punti complessivi per Mariarosaria Morabito, frutto della somma del punteggio ottenuto nelle due esibizioni, impeccabili, con palla (11.400) e clavette (11.000).  Giada Squillaci ha invece vinto una finale tirata all’ultimo punto: 12.000 il punteggio ottenuto nel corpo libero, 12.700 nell’esibizione con il cerchio; il totale di 24.700 ha consentito alla giovane atleta reggina di trionfare con 100 punti di scarto sulla seconda classificata e 300 sulla terza. Morabito e Squillaci, dunque, si ripetono anche in “patria” dopo la vittoria del titolo italiano nei campionati di Rimini. Un futuro davvero roseo attende le due baby-atlete della Ritmica Restart.

Il prossimo appuntamento sarà legato al campionato nazionale di Specialità Gold, al quale prenderà parte Giarda Arco dal 4 al 6 novembre. Giarda ne ha conquistato il diritto una volta raggiunto il titolo regionale lo scorso 25 settembre. A lei, alla prima esperienza assoluta in un torneo nazionale di così alto livello va tutto il tifo e il sostegno della società e delle compagne di squadra, con l’augurio che tutto vada per il meglio per la giovane ginnasta classe 2009.