fbpx

Reggio, Partito Comunista Lavoratori all’attacco: “saccheggio Ponte e società consegnata alla mafia”

"Autonomia indifferenziata e presidenzialismo? Due mostri". Così li ha definiti il Partito Comunista dei Lavoratori di Reggio Calabria

ponte sullo stretto

A volte ritornano. Sì. A volte ritorna – a detta di qualcuno – lo spettro della mafia nelle grandi opere e nelle grandi manovre economiche. Però solo quando questo accade al Sud, come se la malavita fosse confinata a Calabria e Sicilia e come se non si faccia nulla per contrastarla. Il Partito Comunista dei Lavoratori Reggio Calabria si è detto infatti contrario ad Autonomia indifferenziata e presidenzialismo, definiti “due mostri”. “Tra le priorità della Meloni – si legge – l’autonomia indifferenziata che esaspererà il divario fra l’Italia ricca e l’Italia povera. Quest’ultima sarà ancor più schiacciata dall’esiguità di risorse interne a disposizione e da un taglio severo della spesa nazionale. I servizi, già precari, compresi quelli essenziali saranno ancor più penalizzati, la società sarà ancor più povera e consegnata al dominio della mafia. Tutto ciò all’ombra del saccheggio del progetto del ponte e alle regalie connesse alle ZES che saranno un vero e proprio paradiso fiscale per imprenditori e speculatori di ogni genere”.

“Si evidenzia un “combinato speciale” tra autonomia, crisi economica, privatizzazioni non contrastato, nei fatti, dalla burocrazia sindacale. Il PCLviene ribadito nella nota – respinge con forza la perversa suggestione di sostenere l’iniziativa di un “Sud tutto povero” contro un “Nord tutto ricco”. Nel Nord, infatti, le fasce più deboli della popolazione e gli immigrati dall’autonomia non avranno beneficio alcuno; saranno anche loro travolti dalla crisi economica e dalla recessione prossima ventura. Mentre di tutto ciò si parla, avanza il progetto del presidenzialismo, disegno apparentemente opposto, che mantiene però l’esigenza della grande borghesia di rafforzare la sua capacità di dominio politico su una società sempre più esasperata. Per il PCL a partire dalla catastrofe del Sud e delle sue povere comunità locali travolte da questo saccheggio sociale va rilanciata la proposta dell’unità di tutti gli oppressi, di tutto il Paese; Nord e Sud uniti nella lotta per la repubblica dei lavoratori”, si chiude la nota.