fbpx

Reggio, ecco il documentario sui “dimenticati” da effetti avversi da vaccino: “lasciati soli dallo Stato”

Il film, che riguarda le reazioni avverse da vaccino anti-Covid, è stato proiettato all'interno dell'incontro culturale organizzato dal Centro Studi Federico Caffè ed è prodotto da Playmastermovie nonché diretto da Paolo Cassina

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

La loro vita è cambiata, in un attimo. E qui l’ideologia non c’entra, così come non c’entrano gli schieramenti e le polemiche di questi anni. Qui si tratta della salute, della loro salute, della salute degli “Invisibili”, i protagonisti del documentario-denuncia proiettato questo pomeriggio a Reggio Calabria presso il Cineteatro Metropolitano. Il film, che riguarda le reazioni avverse da vaccino anti-Covid, è stato proiettato all’interno dell’incontro culturale organizzato dal Centro Studi Federico Caffè ed è prodotto da Playmastermovie nonché diretto da Paolo Cassina.

Proprio il regista, Paolo Cassina, ai nostri microfoni ha raccontato le finalità di questo progetto: “l’idea – ha detto – nasce dal fatto che queste persone con effetti avversi sono sempre di più, non viene dato loro spazio dai media mainstream e vengono lasciati soli da Stato e sanità pubblica, costretti e obbligati a vaccinarsi per lavoro o per mantenere la socialità, come si vede nel documentario. Quasi mai vengono riconosciuti danni da vaccino e non viene attivato nessuno per trovare delle cure appropriate. Quale storia mi ha colpito di più? Quella di una ragazza di 25 anni che si era appena laureata ed è rimasta paralizzata per più giorni, ancora adesso ha conseguenze neurologiche notevoli ma ha avuto una forza di volontà importante e ora sta aiutando tante persone a riprendersi”.

Tra i relatori c’è il dottor Dario Miedico, vicepresidente del Movimento Sìamo e primo medico radiato in Italia per essersi dichiarato contrario gli obblighi vaccinali: “ho lottato contro l’obbligo di tutte le vaccinazioni, per questo sono radiato dall’Ordine dei Medici di Milano 6 anni fa – ha confessato il medico a StrettoWeb – Io mi occupo di vaccini da più di 40 anni e da sempre sono contro qualunque obbligo di vaccinazione, quindi anche contro il Covid. So che tutti i vaccini possono produrre danni e questo si sta verificando come particolarmente pericoloso. Il vaccino non è acqua fresca, è roba seria, va fatto solo se necessario e dopo un’adeguata visita medica. Le reazioni avverse variano di persona in persona, quelle più gravi sono a livello neurologico e sono note proprio perché evidente e gravi”. A corredo dell’articolo tutte le immagini dell’incontro odierno e in basso le due video-interviste complete.

Documentario “Invisibili”, dottor Miedico: “il vaccino non è acqua fresca” | VIDEO

Documentario “Invisibili”, il regista: “i soggetti con effetti avversi sono sempre di più” | VIDEO