fbpx

Reggio Calabria, conferita la laurea honoris causa al Principe Alberto II di Monaco: “sono commosso” | FOTO e VIDEO

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

L’Università Mediterranea ha conferito la Laurea Magistrale Honoris Causa in Scienze Forestali e Ambientali al Principe Alberto II Di Monaco

Grande emozione all’Università Mediterranea di Reggio Calabria, in una Aula Magna “Antonio Quistelli” gremita di accademici, studenti, istituzioni e cittadini, per l’inizio del nuovo anno accademico che è coinciso con il conferimento della laurea honoris causa  in Scienze Forestali ed Ambientali al Principe Alberto II di Monaco per il suo impegno pluridecennale per la salvaguardia dell’ecosistema. Raggiante il Rettore Zimbalatti“oggi è una giornata da ricordare. Il nostro anno accademico si inaugura con la presenza di una personalità così importante, siamo molto soddisfatti. Vogliamo rilanciare con forza l’Ateneo. Dal 1990 abbiamo conferito 15 laurea Honoris causa a personaggi illustri. Il Principe? Si impegna da anni per la salvaguardia delle foreste e dell’ambiente promuovendo varie iniziative in questa direzione”. Alberto di Monaco, nel suo discorso, si è detto “commosso” del riconoscimento, ringraziando tutte le istituzioni dell'”accoglienza” e rimarcando come “abbiamo l’obbligo di salvaguardare la salute del pianeta ed è un qualcosa che mi sta particolarmente a cuore”.

In occasione della visita in città del Principe Alberto II di Monaco, Reggio è completamente blindata dalle Forze dell’Ordine che stanno presidiando per la pubblica sicurezza. Ricordiamo che, la prima tappa in riva allo Stretto, è stata la visita al Museo Archeologico dove ha visitato la struttura insieme al Direttore Carmelo Malacrino.

Reggio Calabria, il rettore Zimbalatti: “importante la presenza del Principe di Monaco” | VIDEO

Reggio Calabria, il Rettore elogia il Principe di Monaco: “impegnato per la salvaguardia dell’ambiente” | VIDEO

Reggio Calabria, Alberto di Monaco alla Mediterranea: “sono commosso” | VIDEO

Visibilmente commosso, il Principe ha detto: “Desidero ringraziarvi sentitamente per l’onore che oggi mi concedete, conferendomi il titolo di Dottore Honoris Causa. Le sue parole, Magnifico Rettore, mi hanno profondamente toccato, perché alimentano in me la speranza che la mia azione sia utile, che si tratti della politica attuata dal mio Governo, delle iniziative della mia Fondazione o dei miei impegni personali. Sono lieto di ricevere questo riconoscimento dalla vostra prestigiosa università, che è un punto di riferimento nel campo della ricerca scientifica sulle problematiche ambientali. Come sapete, i violenti incendi che hanno colpito l’Europa, la California, l’Africa subsahariana, l’America Latina e la Siberia, così come gli episodi di intensa siccità, le tempeste estreme e l’innalzamento delle temperature, sono tutte conseguenze dei cambiamenti climatici sui quali gli scienziati ci mettono in guardia da decenni. Di fronte alla crescente intensità di questi fenomeni, è essenziale agire collettivamente e con determinazione, basandosi sulle evidenze fornite dalla comunità scientifica. Ma c’è un aspetto a cui non intendo derogare, ovvero quello del mio impegno personale per la salvaguardia del nostro Pianeta al servizio della Scienza, dando ulteriore voce alla comunità scientifica e sostenendone il lavoro. Perché senza la scienza, come potremmo pensare che un riscaldamento di qualche decimo di grado possa ripercuotersi sull’equilibrio dell’intero pianeta? Senza la scienza, come potremmo capire che minuscole particelle di plastica, invisibili a occhio nudo, rappresentino oggi un serio pericolo per l’intera catena alimentare? Per questo il Principato di Monaco fonde le sue azioni nel sostegno della scienza. Un approccio che s’inserisce in una lunga tradizione, iniziata dal mio trisavolo, il Principe Alberto I. Una tradizione perseguita con continuità e che rende Monaco una terra di accoglienza della comunità scientifica. A questo proposito, vorrei citare il lavoro di mediazione dell’Istituto Oceanografico e il Laboratorio dell’ambiente marino dell’AIEA, che si occupa principalmente del problema dell’acidificazione dei mari. O ancora, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), che ha accettato la proposta del Principato di Monaco di stilare un Rapporto Speciale sull’oceano e la criosfera. Il Rapporto, adottato a Monaco nel settembre due mila diciannove (2019), illustra gli effetti che il riscaldamento climatico produce sugli oceani del mondo e propone soluzioni per attenuare il fenomeno. Infine, vorrei citare ovviamente la mia Fondazione che dal 2006, anno della sua creazione, ha sviluppato numerosi progetti di collaborazione con università e istituzioni scientifiche prestigiose. Sosteniamo, il programma di borse di studio dell’IPCC destinate a giovani dottorandi dei Paesi in via di sviluppo e assegniamo borse speciali a giovani ricercatori che consacrano i propri lavori alle regioni polari. Formare le nuove generazioni sulle questioni ambientali, sensibilizzarle sui pericoli che minacciano gli equilibri del pianeta e dei modi per affrontarli, sono tutti compiti essenziali per il nostro comune futuro“.

Coinvolgere le nuove generazioni – ha detto ancora il Principesignifica stimolare la consapevolezza e creare una forma di civismo ambientale. Significa spiegare meglio le conseguenze delle scelte dei singoli e favorire la condivisione di informazioni sulla reale situazione in cui versa il nostro pianeta. Infine, significa rassicurarli sulla nostra capacità di agire di fronte a una crisi ambientale di questa portata. A questo proposito, nel 2023 la mia Fondazione lancerà l’iniziativa « Re.Generation », che consentirà la creazione di una comunità internazionale di giovani talenti, per offrire loro l’opportunità di confrontarsi, di esprimere le proprie opinioni e seguire corsi di formazione specializzati. Occorre continuare a incoraggiare la formazione, la ricerca e la condivisione delle conoscenze. Come fa la vostra Università e come stiamo facendo con la mia Fondazione, tra scienziati, accademici, politici, ed imprenditori. Per agire dobbiamo incoraggiare il più possibile l’invenzione di nuove modalità di sviluppo, più rispettose delle risorse naturali, più inclusive e più giuste. Uno sviluppo basato su un cambiamento a tutti i livelli, individuale e collettivo, locale, regionale, nazionale e internazionale. Il fattore umano riveste un’importanza fondamentale, ed è proprio il rispetto e l’ascolto delle popolazioni indigene e delle comunità locali a guidare le iniziative della mia Fondazione. Che sia in Asia, Africa, America Latina o della regione artica, la voce, le conoscenze e le tradizioni delle comunità devono essere ascoltate e tenute in maggiore considerazione .Vorrei citare, ad esempio, l’iniziativa per la conservazione delle foreste da parte delle popolazioni indigene di cui la mia Fondazione è co-fondatrice [insieme alla Commissione Mondiale per il diritto ambientale dell’IUCN, alla Federazione internazionale dei ranger e alla Global Forest Coalition], nell’intento di sostenere la salvaguardia degli ecosistemi forestali attraverso l’azione delle comunità locali e affrontare i grandi sconvolgimenti causati dal cambiamento climatico. Si tratta di sconvolgimenti che implicano anche l’attuazione di soluzioni innovative, in particolare da parte degli attori economico-finanziari. Consapevole di questa sfida, la mia Fondazione ha dato vita alla Ocean Innovators Platform, un forum di confronto dedicato alla blue economy, che riunisce imprenditori, fondi di investimento, banchieri e filantropi, con l’obiettivo di promuovere soluzioni e innovazioni che agiscono positivamente sull’ambiente marino, pur offrendo opportunità occupazionali e di crescita. Nel Mediterraneo, sul quale si concentrano la maggior parte delle grandi sfide di questo secolo, il Principato di Monaco e la mia Fondazione si sono impegnati, in collaborazione con gli attori locali e le istituzioni scientifiche regionali, a favorire una cooperazione che è riuscita a coinvolgere non solo diversi attori, ma anche gli Stati, su problematiche complesse. Come testimonia l’impegno assunto da Monaco e dall’Italia, insieme alla Francia, nella protezione dei mammiferi marini delle nostre coste all’interno del Santuario Pelagos. Insieme alla Francia e alla Tunisia, abbiamo anche creato MEDFUND, un fondo fiduciario dedicato al finanziamento di aree marine protette nel Mediterraneo, che riunisce capitali pubblici e privati, nell’ottica di rafforzare le aree protette esistenti, sostenere le reti regionali e finanziare la creazione di nuove aree. All’interno e al di là di queste particolari aree di conservazione, occorre sviluppare un intero modello economico. Un modello che, innanzitutto, metta al primo posto la lotta al cambiamento climatico e abbandoni le energie fossili. Questo modello comporta anche la lotta contro l’inquinamento che sta devastando i mari. Pertanto, abbiamo lanciato BEMED che ha come scopo di sostenere lo sviluppo di microiniziative nel Mediterraneo volte a ridurre l’inquinamento. Questa iniziativa riunisce aziende internazionali che desiderano realizzare cambiamenti necessari al loro interno e presso i loro fornitori e clienti. Sono lieto di vedere che queste iniziative si sviluppano con la partecipazione della società civile. È fondamentale sostenerle e incoraggiarle. Naturalmente, tutto ciò non è facile da realizzare. Tuttavia, sono convinto che questo nuovo modello porterà con sé progressi dei quali beneficeranno i più vulnerabili e le generazioni future, tracciando un percorso diretto dalla scienza alla costruzione di un avvenire comune, basato su tutti i talenti e tutte le volontà. Sono consapevole che l’incontro tra le varie discipline e l’unione dei talenti sono al centro dell’azione della vostra Università. Questo mi dimostra che siamo uniti nel condividere la stessa speranza. Per questo sono particolarmente felice dell’onore che mi concedete oggi, accogliendomi tra voi. Permettetemi di ribadire quanto io sia commosso di essere tra di voi oggi per illustrare una nostra comune preoccupazione, la tutela dell’ambiente. Per i nostri figli, per il futuro che essi rappresentano, noi abbiamo l’obbligo di dedicare tutta la nostra attenzione alla salvaguardia della salute degli ecosistemi terrestri e marini. Vi sono grato per avermi dato l’opportunità di sottolineare ancora una volta quest’idea che mi sta particolarmente a cuore“.

calabria

La prolusione del prof. Felice Antonio Costabile in onore del Principe Alberto II di Monaco

Boschi e foreste nell’Italia romana fra sacralità e sfruttamento

La prolusione del prof. Giuseppe Bombino in onore del Principe Alberto II di Monaco

La foresta come entità che educa alla complessità, e la necessità di cambiare il paradigma

Laurea Honoris causa principe alberto monaco