fbpx

Granillo, stasera è la tua notte più bella: Reggina-Genoa 2-1, è secondo posto!

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggina-Genoa, tutti gli aggiornamenti in tempo reale: formazioni ufficiali, cronaca testuale live, tabellino, commento e a, fine gara, pagelle e dichiarazioni dei protagonisti

Descriverla meglio di così, probabilmente, sarebbe stato impossibile. La seconda in classifica, la più forte, un Granillo da Serie A, una sfida da Serie A, il vantaggio, il pareggio, le polemiche Var, il rigore fallito, l’altro rigore, poi realizzato. E ancora la sofferenza, i cambi perfetti, la “torciata”, il muro difensivo, la Ola, il recupero infinito. Ma è 2-1. La Reggina batte il Genoa e si regala la sua notte più bella. Ora è aggancio agli stessi liguri al secondo posto, a 22. La partita. La Reggina il vantaggio lo ottiene, giocando di rimessa e lasciando il palleggio al Genoa. Majer millimetrico per Canotto, che fa una magia e la piazza. Gli amaranto tengono, ma il pari ospite arriva in maniera un po’ fortunosa, con una deviazione di Gagliolo che avvantaggia Aramu. E’ 1-1. Prima dell’intervallo, però, il putiferio: Rivas atterrato, rigore, anzi forse no, poi Var, cinque minuti di attesa; infine il penalty c’è, ma Menez calcia malamente. E’ la notte speciale, però, e allora arriva il secondo rigore, ad inizio ripresa. Pierozzi in mezzo, mani di Gudmunsson, stavolta va Hernani dagli undici metri, che è perfetto e spiazza Semper. 2-1, che Inzaghi confeziona alla grande coi cambi e mettendosi a 5. Il resto è storia, uno spettacolo. Di seguito il tabellino.

Reggina-Genoa 2-1, il tabellino

Marcatori: 15′ Canotto (R), 33′ Aramu (G), 54′ Hernani (R)

Reggina (4-3-3): Ravaglia; Pierozzi, Camporese, Gagliolo, Giraudo (74′ Cionek); Fabbian, Majer (71′ Crisetig), Hernani; Canotto (82′ Liotti), Ménez (71′ Gori), Rivas (71′ Cicerelli). In panchina: Aglietti, Colombi, Bouah, Cionek, Di Chiara, Loiacono, Obi, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Genoa (4-2-3-1): Semper; Sabelli, Bani, Dragusin, Czyborra (70′ Hefti); Frendrup, Strootman; Jagiello (59′ Portanova), Aramu (82′ Yeboah), Gudmundsson (59′ Yalcin); Coda. In panchina: Martinez, Agostino, Vogliacco, Yeboah, Puscas, Calvani, Tourè, Galdames. Allenatore: Alexander Blessin.

Arbitro: Fabio Maresca di Napoli. Assistenti: Damiano Di Iorio di VCO e Paolo Laudato di Taranto. IV ufficiale: Mattia Pascarella di Nocera Inferiore. VAR: Daniele Minelli di Varese. A-VAR: Juan Luca Sacchi di Macerata.

Note – Spettatori: 14.005, di cui 4.130 abbonati. Ospiti: 264. Ammoniti: Sabelli (G), Bani (G), Rivas (R), Gudmundsson (G), Yalcin (G), Ravaglia (R), Strootman (G), Frendrup (G). Calci d’angolo: 2-1. Recupero: 5′ pt, 6′ st. Altre note: rigore parato da Semper a Ménez al 41′.

Reggina-Genoa 2-1, le pagelle di StrettoWeb: Hernani-Canotto, wow! Inzaghi azzecca i cambi

Reggina-Genoa, Inzaghi: “all’intervallo ho detto ai ragazzi che siamo forti, oggi partita straordinaria”

Reggina-Genoa, Blessin: “la squadra non mi è piaciuta, oggi poco lucidi e molto lenti”

Reggina-Genoa, Giraudo: “oggi la giornata non passava più, serata speciale”

Reggina-Genoa, notti magiche al Granillo: la festa può partire. E c’è anche il piccolo Edo Inzaghi | FOTO

Reggina-Genoa, cronaca testuale live

90’+7 – E’ finita, dopo un recupero monstre: la Reggina fa l’impresa e torna a vincere al Granillo!

90′ – Sono 6 i minuti di recupero concessi, il Granillo non ci sta e contesta. “Torciata” di tutto lo stadio: si accendono i telefonini.

88′ – Il Granillo ribolle, che bolgia. E Strootman viene ammonito.

83′ – Ravaglia perde tempo al rilancio e l’arbitro lo ammonisce.

80′ – Ammonito Yalcin. La Reggina soffre ma tiene bene. Il 3-5-2 e i cambi hanno dato nuova linfa a livello atletico. E Inzaghi mette Liotti per Canotto. Ovazione per l’autore del gol dell’1-0. Ora Liotti va a sinistra e Cicerelli avanza accanto a Gori.

74′ – Entra anche Cionek, Inzaghi si difende. Esce Giraudo, si dovrebbe passare a 3.

72′ – Ci prova subito Gori: da fuori di prima intenzione, blocca Semper.

70′ – Triplo cambio per Inzaghi: dentro Cicerelli, Gori e Crisetig.

67′ – Canotto sfiora il tris! Contropiede magistrale, con Menez di prima a destra stile Pisa: l’ex Frosinone va, punta e conclude, para Sempre. E’ corner.

60′ – Ci prova subito Yalcin: conclusione da fuori, palla alta.

59′ – Doppio cambio Genoa: dentro Portanova e Yalcin, escono Jagiello e Gudmunnson.

56′ – Primo giallo per la Reggina: ammonito Rivas, scaramucce con un avversario. Ammonito anche Gudmunnson, fallo di mani su ripartenza amaranto.

53′ – HERNANI LA METTE, REGGINA DI NUOVO AVANTI! Primo centro in amaranto del brasiliano, che rispetto a Menez batte bene e spiazza il portiere. 2-1 al Granillo!

52′ – CLAMOROSO AL GRANILLO, UN ALTRO RIGORE PER LA REGGINA! Azione insistita in contropiede, Canotto non sfonda, palla a Pierozzi, che mette in mezzo, ma c’è il tocco di mani di Czyborra. Maresca non ha dubbi: altro rigore. Questa volta dal dischetto si presenta Hernani.

48′ – Apertura telecomandata di prima di Hernani, che serve Canotto, il quale punta l’uomo e crossa, ma male.

46′ – Comincia la ripresa al Granillo: si riparte dall’1-1.

SECONDO TEMPO

45’+5 – Finisce un lunghissimo (e pieno di emozioni) primo tempo al Granillo: a Canotto risponde Aramu, poi Menez fallisce dal dischetto. Reggina-Genoa 1-1.

45′ – Sono 5 i minuti di recupero assegnati dall’arbitro.

41′ – MENEZ FALLISCE IL RIGORE! Che peccato. Rigore tirato malissimo dal francese: poca rincorsa, tanta attesa e solo potenza, tiro centrale respinto da Semper. Si resta sull’1-1.

38′ – Attesa lunghissima per il Var, che richiama l’arbitro, ma Maresca conferma: rigore e giallo.

35′ – RIGORE PER LA REGGINA! Quante emozioni al Granillo: Rivas si invola in contropiede, ne salta tre e viene atterrato nettamente da Bani.

33′ – Pareggio Genoa: palla messa in mezzo destra, Gagliolo devia giusto il tempo di piazzare e la mette per Aramu.

27′ – Il Genoa affonda molto sul lato destro, dove crea superiorità con la sovrapposizione del terzino.

26′ – Servito Menez, che conclude verso la porta, ma è fuorigioco. Già da prima del vantaggio era il Genoa a gestire il palleggio, con la Reggina di rimessa. Fattore accentuato adesso. Possesso e pressione alta dei liguri, la Reggina per ora non rischia nulla.

15′ – REGGINA IN VANTAGGIOOO!!! La sblocca Canotto, super gol dell’ala destra calabrese: lancio in profondità di Majer verso il 31, ottimo stop, palla sul sinistro, poi sul destro e dentro. Esplode il Granillo!

7′ – Risponde la Reggina, che ci prova di rimessa. Giraudo in mezzo, cicca Hernani e poi ci prova Canotto, ma la difesa respinge. Comunicato il dato spettatori presenti.

6′ – Sembra essere partito meglio il Genoa. Già due volte ha provato ad affondare, prima da destra e poi da sinistra, Ravaglia attento.

1′ – Partiti! Comincia Reggina-Genoa! Pochi minuti prima del fischio d’inizio, bellissima la coreografia della Curva Sud.

PRIMO TEMPO

Reggina-Genoa, prepartita

Ore 20.14 – Altra premiazione al Granillo, questa volta davanti all’ovazione dello stadio: l’indimenticato ex allenatore Franco Colomba è tornato in riva allo Stretto per assistere al match. Premiato dal Presidente Marcello Cardona, è poi passato sotto la Sud per ricevere il coro degli Ultras. Brividi!

Ore 20.12 – Il Granillo si scalda a un quarto d’ora circa dal match. La Sud è già quasi tutta piena e comincia a cantare.

Ore 20.06 – Ecco l’omaggio della Reggina al Professore Zangrillo. Il Presidente amaranto Cardona ha premiato il collega del Genoa per l’impegno messo in campo in questi anni nella lotta contro il Covid.

Ore 19.50 – Le squadre hanno fatto il proprio ingresso in campo per il riscaldamento. Amaranto accompagnati dal solito boato di un Granillo che comincia a riempirsi e dal consueto e piacevole clima da disco.

Ore 19.43 – Di nuovo spettacolo di danza al Granillo. Dopo la performance prima del derby Reggina-Cosenza, le ragazze di Spazio 41 tornano ad esibirsi nell’impianto di Via Galileo Galilei prima del match, animando una serata che a prescindere sarà teatro di un evento bello e, per i colori amaranto, si spera anche vincente.

Reggina-Genoa, le formazioni ufficiali

Inzaghi, che aveva annunciato qualche novità, ne cambia solo uno rispetto a Cagliari: Giraudo, che torna titolare dopo diversi mesi (l’ultima volta a Terni) in luogo di Di Chiara. Confermati poi Ravaglia e Camporese, così come il solito centrocampo, Canotto a destra e Menez falso nove in mezzo. 4-2-3-1 senza sorprese per Blessin.

Reggina (4-3-3): Ravaglia; Pierozzi, Camporese, Gagliolo, Giraudo; Fabbian, Majer, Hernani; Canotto, Ménez, Rivas. In panchina: Aglietti, Colombi, Bouah, Cionek, Di Chiara, Loiacono, Liotti, Crisetig, Obi, Cicerelli, Gori, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Genoa (4-2-3-1): Semper; Sabelli, Bani, Dragusin, Czyborra; Frendrup, Strootman; Jagiello, Aramu, Gudmundsson; Coda. In panchina: Martinez, Agostino, Vogliacco, Yeboah, Hefti, Yalcin, Puscas, Calvani, Portanova, Tourè, Galdames. Allenatore: Alexander Blessin.

Arbitro: Fabio Maresca di Napoli. Assistenti: Damiano Di Iorio di VCO e Paolo Laudato di Taranto. IV ufficiale: Mattia Pascarella di Nocera Inferiore. VAR: Daniele Minelli di Varese. A-VAR: Juan Luca Sacchi di Macerata.