fbpx

Messina, gravi accuse dei sindacati contro ATM: 3 “pagine bollenti” di denunce

atm messina tram madonnina

Libero Gioveni, Consigliere comunale di Messina e capogruppo di FdI, sottolinea la gravità delle denunce espresse da 5 sigle sindacali nei confronti di ATM e chiede approfondimenti in Aula

Nei miei quasi 10 anni di attività in Consiglio Comunale, di cui ben 4 trascorsi da Presidente della Commissione Trasporti, non avevo mai letto una denuncia così grave e circostanziata delle organizzazioni sindacali sulla gestione di ATM, che adesso merita con urgenza tutti gli approfondimenti del caso in Aula!”. Con queste parole il consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia, intende fare immediatamente chiarezza sulle tre pagine “bollenti” che ben 5 sigle sindacali (Filt CGIL, UIL Trasporti, FAISA CISAL, UGL e ORSA) hanno indirizzato fra gli altri anche a S.E. il Prefetto e con le quali attivano la prima fase delle procedure di raffreddamento.

Il Consiglio Comunale, o anche la stessa Commissione consiliare Trasporti – afferma Gioveni – non può rimanere inerme rispetto a denunce gravissime messe nero su bianco dai sindacati relative a (riporto e sintetizzo testualmente) ‘avanzamenti professionali e promozioni definitive senza competizione fra i candidati favorendo carriere veloci programmate in anticipo‘ senza guardare alla meritocrazia, ‘pensionamento forzato degli operatori di esercizio in spregio a recenti sentenze di Cassazione’, ‘intimidazione di dipendenti con provvedimenti disciplinari tesi a fare cassa’ con la beffa causata dal R.D. n. 148/1931 che consente all’azienda di ‘assumere il ruolo sia di accusatore che di giudice senza il parere di soggetti terzi’, ‘piano di esercizio sovradimensionato rispetto alla forza lavoro con ricorso allo straordinario’.

Per non parlare poi di altri aspetti forse ancora più inquietanti – prosegue il consigliere – visto che si denuncia anche la sola classica ‘lavata di faccia’ alle vetture del tram che sembrerebbe siano state solo riverniciate all’esterno ma con seri problemi al loro sistema frenante che ha causato anche incidenti per i quali si è invece addossato colpe ai conducenti!

E poi ancora: personale delle officine utilizzato diversamente in ambienti malsani, gestione improvvisata dei servizi ZTL e verifica dei biglietti, violazioni contrattuali a carico dei lavoratori e ‘controllo asfissiante e ILLECITO’ sugli stessi!

Davvero un vero e proprio ‘bollettino di guerra’ – denuncia l’esponente di FdI – che evidentemente per il Consiglio Comunale, che ha l’obbligo del controllo sulle società partecipate a cui peraltro con l’approvazione dei Bilanci o aumenti di capitale eroga soldi pubblici, non può di certo passare inosservato!

Chiederò pertanto già lunedì in sede di Commissione Trasporti – conclude Gioveni – una audizione urgente dei denuncianti, dell’assessore ai rapporti con ATM Mondello e dei vertici aziendali affinché si faccia immediata chiarezza sulle pesanti accuse lanciate dai sindacati, anche al fine di scongiurare delle già annunciate forme di protesta che inevitabilmente penalizzerebbero i servizi all’utenza“.