fbpx

Mega eventi (stile Expo o Olimpiadi) come opportunità di sviluppo: l’esito dell’incontro a Reggio Calabria

expo dubai 2020 calabria

Mega eventi come opportunità di sviluppo territoriale e trasformazione urbana, spazi commerciali e modelli di consumo nella città contemporanea

I mega eventi come opportunità di sviluppo territoriale e trasformazione urbana per un’agenda di ricerca di strategie e politiche locali per il meridione. E’il tema generale intorno al quale un gruppo di esperti si è confrontato nei giorni scorsi presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria nell’ambito dei “Seminari del venerdì” del Master Universitario di II Livello in “VALUTAZIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELLA CITTA’ E DEL TERRITORIO – Borghi, Aree Interne e Città Metropolitane”, promosso dal Dipartimento PAU. Hanno preso parte al dibattito, Carmelo Maria Porto ed Enrico Nicosia (Università degli Studi di Messina), Emanuele Spada (Università Mediterranea di Reggio Calabria), Pietro Sirianni (Federazione Provinciale Coldiretti Reggio Calabri), , che con le loro relazioni hanno fatto emergere spunti interessanti per lo sviluppo delle prossime politiche urbane.

I relatori hanno affrontato, alle diverse scale, tematiche di attualità quali il ruolo dei mega eventi nelle strategie di rigenerazione urbana, da strumento straordinario a pratica ordinaria, sulla base di esempi di portata internazionale quali Expo o le Olimpiadi, non solo prodotti simbolo dell’era post-moderna, ma espressione della personalità e dello status di una città nella competizione globale. Un tema, declinato poi nel contesto locale, attraverso una riflessione sugli spazi commerciali connessi ai moderni modelli di consumo, l’e-commerce, e nel contesto rurale, attraverso le dinamiche urban-rural connesse con la filiera dell’Agrifood. In particolare, sono state approfondite alcune tendenze del settore commerciale e della distribuzione, ponendo l’accento su come questi cambiamenti impatteranno sullo sviluppo delle città.

“Le città nascono storicamente come luogo di scambio e di commercio; di conseguenza, il cambiamento dei modelli di consumo, sempre più proiettati verso forme di transazioni commerciali elettroniche, implicherà effetti dannosi, già in corso, sulle città” hanno dichiarato i Proff. Giuseppe Fera e Francesco Calabrò, Responsabili Scientifici del Master. Il rapporto tra i grandi eventi e i processi di scomposizione e ricomposizione territoriale della città contemporanea, considerano la temporalità, la spazialità e il carattere programmatico degli stessi grandi eventi. In questa direzione, è stata delineata una riflessione significativa, esito di una pluralità di approcci disciplinari e punti di osservazione, che ha evidenziato il ruolo strategico dei processi, soprattutto commerciali e della distribuzione, che investono lo spazio urbano contemporaneo.