fbpx

Innovazioni e buone pratiche didattiche, il “Pizi” di Palmi vola fino a Malta

Una delegazione di docenti ha partecipato al progetto Erasmus+ per lo sviluppo delle competenze di base

Docenti Pizi di Palmi progetto Erasmus+

Per l’innovazione e le buone pratiche didattiche tese allo sviluppo e al miglioramento delle competenze di base il “Pizi” vola… a Malta! Una delegazione di docenti dell’Istituto, infatti, vi si è recata dal 20 al 26 novembre per confrontarsi con la scuola partner del Paese ospitante e con altre scuole, di diverso ordine e grado, di Turchia, Serbia e Polonia nell’ambito del progetto Erasmus+ “Literacy is the key to 2020 and beyond”, giunto ormai alla sua terza mobility.

Dopo le esperienze in Polonia e in Serbia, rispettivamente a gennaio e luglio 2022, il Pizi si è nuovamente distinto per il suo fattivo contributo in questo prestigioso progetto internazionale, che lo vede direttamente coinvolto come scuola capofila. Composto dalle prof.sse Donatella Zappone, Silvia Pacioni, Maria Teresa Donato e dal prof. Luigi Tripodi, il team del Pizi si è misurato su tematiche di Literacy, concetto trasversale che va ben oltre la semplice “alfabetizzazione” per abbracciare diverse competenze linguistiche e comunicative. In particolare, in questa terza mobilità si è discusso di listening e speaking, di come vengano progettate e svolte le attività per lo sviluppo e il consolidamento delle abilità relative alla comunicazione orale nella lingua madre e nelle lingue straniere.
Molti sono stati gli apporti del team italiano, che nel corso dei lavori presso il St Benedict College di Kirkop (Malta) ha presentato proposte originali basate su approcci metodologici quali il debate, lo storytelling e l’uso didattico dei podcasts.

Solo attraverso il confronto, l’osservazione e l’analisi delle diverse realtà nasce il miglioramento della scuola. Farsi promotori e divulgatori, anche e soprattutto in contesti internazionali, di buone pratiche didattiche è indispensabile per rendere il processo di insegnamento-apprendimento maggiormente funzionale ed efficace: serve ai docenti, per scommettere convintamente su didattiche metacognitive nuove, che mettano realmente al centro le studentesse e gli studenti; serve ai nostri ragazzi, per far sì che le competenze di base risultino consolidate e potenziate, per il loro successo formativo, presente e futuro“. Queste le parole del Dirigente scolastico, prof.ssa Maria Domenica Mallamaci, che ribadiscono quella che da anni è la vision dell’Istituto Pizi: “innovazione, nel solco della tradizione“. Prossima tappa del progetto sarà Palmi: il Pizi spalancherà le sue porte alle scuole partners in primavera.