fbpx

A Palazzo Zanca la conferenza su “Il Rinascimento a Malta: i contatti artistici con Messina e Antonello”

Palazzo Zanca Messina Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

A Palazzo Zanca la conferenza della prof.ssa Charlene Vella dal titolo “Il Rinascimento a Malta: i contatti artistici con Messina e Antonello”

Alla presenza dell’Assessore alla Cultura Enzo Caruso e di un pubblico numeroso, si è tenuta nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca la conferenza della prof.ssa Charlene Vella dal titolo “Il Rinascimento a Malta: i contatti artistici con Messina e Antonello”. Professore associato all’Università di Malta, la prof.ssa Vella ha presentato gli esiti di una lunga ricerca condotta sulla scuola del grande maestro messinese e confluiti nel poderoso volume “In the Footsteps of Antonello da Messina: the antonelliani between Sicily and Venice” da poco pubblicato. Sostenuta dai risultati delle indagini scientifiche condotte su diversi dipinti del seguito di Antonello, la studiosa ha potuto precisare la paternità e la derivazione di numerosi dipinti e compiere puntualizzazioni sui materiali e le tecniche utilizzate da Artisti come Antonello de Saliba e Salvo d’Antonio, nipoti del grande Antonello. Molto interessanti si sono rilevate, inoltre, le sue riflessioni sulla committenza delle opere maltesi e sui rapporti tra il convento dei Francescani Minori Osservanti di Malta e quello di Messina.

Grazie all’uso delle nuove tecnologie la studiosa ha mostrato anche suggestive ricostruzioni di grandi polittici oggi smembrati e in parte perduti. L’incontro è stato preceduto dai saluti dell’Assessore Caruso, che ha ribadito l’importanza, anche a fini turistici, della divulgazione della figura di Antonello da Messina e del suo nutrito seguito, e ricordato la volontà dell’Amministrazione comunale di valorizzare al massimo la figura del grande pittore del Rinascimento, in risposta alle tante richieste che giungono pressanti da più parti. A coordinare l’evento è stato il prof. Roberto Cobianchi, associato di Storia dell’Arte Medievale presso il Dipartimento di Civiltà Artistiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina e responsabile scientifico, per l’unità di ricerca messinese, del progetto PRIN 2017 “Il Rinascimento nell’Italia del Sud e nelle isole: patrimonio culturale e tecnologie”, con il coinvolgimento delle Università di Messina, Napoli, Cagliari e Palermo.