fbpx

Volley, esordio casalingo amaranto per l’Akademia Messina: sconfitta per 1-3 contro Marsala

Akademia Sant'Anna

Esordio casalingo amaro per la Desi Shipping Akademia Messina: 3-1 per Marsala

Doveva essere una grande festa per Messina e cosi è stato: tutto esaurito al Palazzetto Polivalente della Cittadella Sportiva Universitaria ed uno spettacolo incredibile sugli spalti, con le due squadre che hanno dato battaglia fino all’ultimo punto del match. Alla fine, però, le ospiti del Marsala Volley riescono a portare a casa i 3 punti e, vincendo 3-1 sulle padrone di casa della Desi Shipping Akademia Messina, rovinano in parte la festa del club caro al Presidente Costantino. Le padrone di casa ci provano con determinazione ma, alla fine, sbattono su un Marsala lucido in alcuni frangenti chiave del match. Per la squadra ospite top scorer la Salkute (18 punti) e la Bulovic (16 punti). Per Akademia 17 punti per Aureelia Ebatombo e 12 per Valentina Martilotti. La Desi Shipping scende in campo con lo stesso starting six di Soverato: la coppia Muzi-Varaldo nella diagonale palleggiatore-opposto, Martilotti e Pertens sono le schiacciatrici mentre le centrali sono Catania e Composto. Libero Giorgia Faraone. Risponde Marsala con Orlandi-Baasdam sulla diagonale palleggiatore-opposto, Salkute e Bulovic le due schiacciatrici, Guarenca e Deste le due centrali.

Il primo set è combattutissimo: il pubblico spinge la squadra di casa che rimane a stretto contatto con la squadra ospite, abile a rispondere punto su punto e portarsi sempre avanti. Poi Marsala prende il largo ma Akademia trova la rimonta finale ed arriva ad un passo da Marsala che, comunque, fa suo il primo set. Dopo una prima parte di set testa a testa, sulla battuta di capitan Muzi la Desi Shipping ne fa due di fila e supera nel punteggio le ospiti. Marsala reagisce subito ed allunga fino al +3 che costringe Coach Breviglieri a spendere il suo primo time out (6-9). Messina non riesce a reagire e la squadra di Coach Bracci trova i punti utili per riuscire ad allungare sul nuovo massimo vantaggio di +5 (6-12 e nuovo time out per la panchina di Messina). Rientro in campo ancora a favore di Salkute e compagne, che ne piazzano altri 2 prima che la rete fermi l’emorragia di punti per la squadra di casa (7-14). Akademia tenta la rimonta e ne mette a segno due di fila con Greta Catania in battuta, cosi il Coach ospite si rifugia nel time out (9-15). Marsala non accusa il colpo e si riportano immediatamente sul largo + 7 (11-18, con la squadra di casa che prova in diverse occasioni la rimonta, venendo subito allontanate dalla Seap Sigel. sul 18-22 Coach Bracci ci concede il time out, nel tentativo di chiudere i conti e fermare una volta per tutte un’Akademia che, comunque, ci continua a provare ed arriva anche al -1 (23-24) annullando ben 3 set point alle avversarie che, non senza tante difficoltà, portano a casa il primo ser (23-25).

Il testa a testa nel secondo parziale si interrompe con un break di Marsala che vale il momentaneo +2 ospite, subito ricucito con grinta a Akademia che riesce anche a portarsi avanti (6-5). Il vantaggio delle messinesi dura poco, però, perché le ragazze di Coach Bracci sono abili a portarsi subito avanti, cosi da dare vita ad un nuovo avvincente testa a testa tra le due formazioni in campo. Le atlete ospiti tentano la fuga ed allungano sul +2 che costringe Coach Breviglieri a spendere il suo primo time out (10-12). Il vantaggio resiste per Baasdam e compagne, nonostante la squadra di casa tenti di ricucire lo strappo con grande determinazione e con la spinta eccezionale del pubblico. L’ace della Pertens vale il nuovo pari (14-14), subito trasformato in nuovo vantaggio per Messina dall’attacco della Martilotti. La partita prosegue sulle note del grande agonismo in campo: nessuna delle due formazioni vuole cedere il passo all’avversaria e si continua a giocare punto a punto. Messina appare in palla e si porta avanti 21-20, cosi Coach Bracci decide di spendere il suo time out per interrompere il turno in battuta di Barbara Varaldo. Il muro di Ambra Composto, però, vale il momentaneo +2 per la squadra di casa, che continua ad allungare fino al 23-20 che comporta il nuovo time out per la panchina ospite. La Varaldo direttamente dalla battuta trova il primo set point per le sue, che chiudono con il punto di Greta Catania e pareggiano il conteggio dei set (25-20).

Subito avanti nel terzo parziale la Seap Sigel che allunga di due, con la Desi Shipping che, comunque, riesce a rimanere a contatto. L’equilibrio permane per lungo tempo, con le ospiti che galleggiano sul vantaggio di 1-2 punti. Quando Marsala si porta avanti di 3, Coach Breviglieri tenta di correre ai ripari e ricorre al time out (9-12). Le ragazze di Coach Bracci non vogliono saperne di rallentare e ne piazzano ancora 1 prima che Messina torni a segnare e, in maniera veemente, a trovare la rimonta fino al 13 pari che, questa volta, costringe il Coach ospite a richiamare le sue in panchina. Strigliata riuscita: la Seap Sigel ne trova tre in successione ed allunga sul nuovo +3, con il conseguente secondo time out speso dal Coach di casa (14-17). L’errore in battuta della Martilotti vale il momentaneo e pericoloso +4 di Marsala (17-21). La reazione delle messinesi è troppo timida e la Seap Sigel riesce a gestire il vantaggio acquisito, prendendo anche il largo e concludendo a proprio favore il terzo set dell’incontro, che vale il 2-1 nel conteggio dei parziali (18-25).

Pronti via ed il quarto set è tutto di marca ospite: 4-1 e time out richieste da Caoch Breviglieri. La reazione delle ragazze di casa c’è ed è tanto decisa da permettere loro di agguantare il pari (6-6). Marsala non si fa impensierire e, con la Salkute in battuta, ne fa quattro di fila, allungando sul pericoloso +4 che porta il Coach di casa a spendere un altro time out (6-10). La Martilotti interrompe il digiuno delle sue ma non riesce a dare il là alla rimonta, con la Seap Sigel che rimette subito la palla a terra dall’altra parte del campo. Le ospiti riescono anche a portarsi sul +5, ma la Desi Shipping ha forza di reagire ed accorcia sul -3 che costringe Coach Bracci al time out precauzionale (13-16), ottenendo il risultato desiderato. Muzi e compagne provano ancora una volta ad accorciare, ma Salkute & co. non lasciano spazio alla rimonta della squadra di casa e le ricacciano indietro di 4. La Martilotti trova l’ace del -2 ed il Coach ospite richiama le sue in panchina per interrompere la striscia positiva delle messinesi (17-19), riuscendo ancora una volta nel suo intento. Marsala alla fine prende il largo e raggiunge anche il +6: un margine di vantaggio troppo ampio per permettere la rimonta delle ragazze di casa. Alla fine la Seap Sigel prota a casa anche il quarto set (19-25) e rovina la festa per Messina, con il pubblico di casa che, comunque, applaude le ragazze di Akademia, entusiasta per aver ritrovato lo spettacolo della Serie A2 dopo tanti anni.

“A sprazzi abbiamo giocato alla pari con Marsala – cosi Breviglieri – Dal punto di vista dell’impegno ci abbiamo provato, ma non troviamo il punto di equilibrio, tra gli errori ed il rischiare il punto. A differenza di Soverato c’è stata meno lucidità sulle scelte da fare ma alla fine abbiamo giocato con grande determinazione”. “È stata una partita molto combattuta – cosi Coach Bracci – siamo felicissimi di averla vinta 3-1 e la nostra classifica si è appena mossa. Per noi era la gara di esordio (dopo il turno di riposo, ndr) e Messina nella scorsa gara era arrivata già ad un tiebreak ed aveva sicuramente più ritmo. Quindi portare a casa questi 3 punti è sicuramente molto positivo”.

Desi Shipping Akademia Messina-Seap Sigel Marsala Volley: 1-3 (23-25, 25-20, 18-25, 19-25)

Desi Shipping Akademia Messina: Varaldo 1, Catania 1, Ciancio (L) 0, Composto 8, Martilotti 12, Mearini ne, Muzi 2, Brandi ne, Silotto ne, Pertens 11, Ebatombo 17, Faraone (L) 0. All. Breviglieri. Ass. Ferrara.

Seap Sigel Marsala Volley: Orlandi 4, Spano no, Deste 8, Nargini 0, Salkute 18, Baasdam 13, Guarena 3, Frigerio ne, Garofalo 0, Moneta 0, Ghibaudo 0, Bulovic 16. All. Bracci. Ass. Tomasella.

Arbitri: Danilo De Sensi di Lamezia Terne e Sergio Pecoraro di Altofonte
Durata set: 28’, 26’, 25’, 26’