fbpx

Scandalo Miramare, il procuratore chiede nuova condanna in appello per Falcomatà

processo miramare falcomatà

Scandalo Miramare, l’accusa contestata a Falcomata’ riguarda i presunti illeciti, risalenti al 2015, nella procedura di affidamento dell’immobile di proprieta’ del Comune

Il procuratore generale, Walter Ignazitto, rappresentante della pubblica accusa nel processo d’appello a carico del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha chiesto la “conferma della condanna di primo grado ad un anno e quattro mesi di reclusione per abuso d’ufficio”. Falcomata’ è imputato di abuso d’ufficio ed attualmente sospeso in applicazione della legge Severino.

L’accusa contestata a Giuseppe Falcomata’ riguarda i presunti illeciti, risalenti al 2015, nella procedura di affidamento dell’immobile di proprieta’ del Comune che un tempo ospitava l’albergo “Miramare” all’associazione “Il sottoscala”, riconducibile all’imprenditore Paolo Zagarella. L’affidamento dell’immobile, secondo l’accusa, avrebbe rappresentato una contropartita per la concessione da parte di Zagarella a titolo gratuito a Falcomata’ di alcuni locali per ospitare la sua segreteria elettorale nel corso della campagna elettorale per le amministrative del 2014. Falcomata’, nel processo conclusosi nel 2021, quando era al suo secondo mandato da sindaco, fu condannato per abuso d’ufficio ed assolto dal reato di falso.

Insieme al primo cittadino furono condannati ad un anno di reclusione, anche loro per abuso d’ufficio, con pena sospesa per tutti, gli assessori che componevano la sua Giunta, Saverio Anghelone, Armando Neri, Rosanna Maria Nardi, Giuseppe Marino, Giovanni Muraca, Agata Quattrone e Antonino Zimbalatti. Per tutti, come per Falcomata’, scatto’ la sospensione per un anno e mezzo. Nello stesso processo, inoltre, furono condannati, sempre ad un anno, il segretario comunale dell’epoca, Giovanna Antonia Acquaviva; l’ex dirigente del settore “Servizi alle imprese e sviluppo economico” del Comune, Maria Luisa Spano’, e lo stesso Zagarella. Il pg Ignazitto ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado anche per i coimputati di Falcomata’ . Il processo riprendera’ il 18 ottobre, giorno in cui inizieranno le arringhe dei difensori degli imputati.