fbpx

Reggio Calabria, ecco come sarà il porto nel 2026: progetto da sogno già finanziato | RENDERING

/

Reggio Calabria, finanziato progetto da 33 milioni di euro che rivoluzionerà il porto della città: ecco come sarà

Un pensiero innovativo che rovescia l’approccio tradizionale alla progettazione portuale, mettendo al centro la connessione tra mare e territorio: Atelier(s) Alfonso Femia firma il masterplan per la riqualificazione di aree, strutture ed infrastrutture nel porto di Reggio Calabria.

Secondo Mario Mega, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto, intervenuto a un talk nell’ambito della prima edizione de La Biennale dello Stretto, non è corretto definire i porti come infrastrutture. Sono luoghi di transito, disconnessi sia dal territorio, sia dal mare stesso. La riconnessione, non semplice collegamento tra aree diverse, bensì costruzione di relazioni multiple sul fronte urbano, è la chiave di sviluppo territoriale locale, in grado di trasformare lo Stretto in un punto di riferimento internazionale del Mediterraneo.

Gibilterra, Bosforo, Dardanelli, le specificità di ogni transito naturale sono potenziate dalla valorizzazione dell’intorno. Gibilterra è passaggio unico tra Mediterraneo e Atlantico. Dardanelli e Bosforo tra Mediterraneo e Mar Nero. Lo stretto di Messina è varco tra Mediterranei, attrattore dei flussi africani, strategico per l’economia di sviluppo europea.

LO SCENARIO

Il porto di Reggio Calabria si colloca sulla sponda orientale dello Stretto ed è costituito da un bacino artificiale protetto dalla lunga Banchina di Ponente. Santa Caterina è il quartiere urbano che prospetta il porto.
Insieme a quello di Villa San Giovanni, il porto di Reggio Calabria garantisce i collegamenti con la Sicilia e le isole Eolie. Oltre al servizio passeggeri e commerciale, il porto di Reggio svolge anche funzione diportistica.
In relazione al traffico merci, in passato era collegato numerosi porti del Mediterraneo: Casablanca in Marocco, Marsiglia in Francia, molti approdi turchi, Ceuta in Spagna, Patrasso in Grecia, Zaporozhya in Ucraina, Valletta a Malta.

L’area portuale è dotata di collegamenti diretti con la rete stradale e autostradale (bretella di raccordo sul tratto terminale dell’A2 che attraversa la città di Reggio Calabria). Molte lacune impediscono lo sviluppo del porto in chiave territoriale. In termini di integrazione rispetto agli altri nodi calabresi inseriti nelle reti europee, centrale e globale, il porto non gode di un collegamento diretto via strada con l’aeroporto di Reggio Calabria, né di collegamenti diretti ferroviari con lo stesso aeroporto di Reggio Calabria, con l’aeroporto di Lamezia Terme e con il porto di Gioia Tauro.
La valorizzazione della “terra di mezzo” del waterfront alla scala territoriale, urbana ed extraurbana, la realizzazione di un percorso che amplifica la connessione, attivando funzioni civiche, sportive e sociali permanenti insieme a quelle più specificamente portuali, è un progetto di connessione che va molto oltre le infrastrutture e gli oggetti correlati.

I DUE BACINI E IL PERCORSO VERDE DA NORD A SUD

La realizzazione di un terminal passeggeri nell’area di bacino esterno, la riqualificazione di edifici esistenti riconvertiti a uffici, nell’area del diporto, presso la “Banchina Vecchia di Levante”, l’implementazione dei pontili e l’integrazione con una nuova pensilina nel bacino interno sono interventi che si sostanziano e amplificano il loro valore progettuale nella spina verde di connessione.

Il masterplan complessivo prevede l’introduzione di un’attività crocieristica aggiuntiva, per integrare, all’interno del porto, una nuova funzione turistica e, di conseguenza, l’inserimento di volumi tecnici, cold ironing e banchine. Ad accogliere il transito crocieristico un terminal di 1100 metri quadrati di cui 800 all’aperto con annesse aree di parcheggio. L’area del terminal interagisce con il sistema complessivo del verde che si ricollega al parco. Il terminal stesso insiste su una zolla verde, vera e propria piazza di accoglienza.

Gli edifici esistenti vengono rifunzionalizzati; si realizza un attracco per i mega yatch con pontile parallelo al molo, creando così una linea di servizio per gli attracchi. Si potenzia l’area ormeggi per gli aliscafi con nuovi pontili e una nuova pensilina per i viaggiatori che ne fruiscono. Parte dei volumi esistenti vengono demoliti per ripulire l’area, creando una rete di flussi/percorsi adeguata: quello di banchina di servizio e uno ciclopedonale che a quota sopraelevata permette la mobilità dolce. La parte di bacino antistante viene dedicata ai mega yacht. La pensilina assume una valenza compositiva, punto attrattore, elemento blu di richiamo, area di relax per intrattenere l’attesa degli aliscafi.

IL PERCORSO CICLO-PEDONALE

Il percorso ciclo-pedonale crea una connessione diretta con la stazione di Santa Caterina tra aeroporto e città. Si snoda parallelamente al muro di separazione dalla ferrovia per tre chilometri e mezzo per poi connettersi a un tratto esistenti in prossimità del waterfront. Per garantire la sicurezza in relazione alla prossimità all’asse ferroviario, si sviluppa su piani sfalsati rispetto alla quota della banchina. Si legge, dunque, come un nastro variabile che contribuisce alla definizione di un atipico paesaggio verticale su più livelli che si innesta su quello orizzontale. Punti di sosta e belvedere si definiscono sul bordo verde del parco lineare, in connessione con la pista ciclabile.

“La rigenerazione di un’area urbana passa sempre attraverso i trasporti, la mobilità, le infrastrutture. Nel caso del porto di Reggio Calabria, la connessione dolce integrata a un progetto di verde urbano realizza un’infrastrutturazione multi-competente: sotto il profilo sociale, del comfort individuale e collettivo, di potenziamento del senso di appartenenza ai luoghi. Per Reggio Calabria, ancora di più, la connessione è un fattore di riscatto di una città ad altissime potenzialità che fatica a decollare” ha affermato Alfonso Femia, Design for all, connessione con il territorio, un concept altamente performante informato ad alti livelli di efficienza energetica e spaziale garantiscono un’elevata qualità di vita degli ambienti interni ed esterni, sono i presupposti progettuali. L’obiettivo di questi interventi è quello di inserire il porto di Reggio Calabria nel circuito crocieristico internazionale, di fatto rilanciando la città e l’intero Stretto.

IL PARCO LINEARE

Rispetto dell’ambiente, uso di fonti rinnovabili sono elementi di riferimento ineludibili: fotovoltaico ed eolico; strategie di depaving, con un miglioramento complessivo dei servizi ecosistemici del suolo, riducendo il run-off in caso di pioggia intensa, il filtraggio e la decontaminazione delle acque meteoriche; azioni di dilatazioni e di compressioni del verde che dalla città entra verso in area portuale.

Il progetto del parco prevede verde intensivo su suolo vegetale giardino in piano, alternanza di alberi da frutto e ulivi con trattamento erbaceo spontaneo alternato a zone di macchia mediterranea densa in prossimità del sottopasso della stazione, verde intensivo su suolo vegetale /riportato distesa di verde con erbacee tipica delle zone marine e alberi in sequenza di grandi dimensioni isolati o a filari di piccole medie dimensioni lecci ulivi, promenade alberata slarghi nel verde e una piazza d’acqua, terrazze inaccessibili con vegetazione di tipo secco mediterranea, lecci ginepri ulivi roverelle e piante mediterranee al suolo, pacciamatura in fieno o truciolo creazione di muro vegetale tramite supporto esistente con l’immissione di reti.

TEMPI DI REALIZZAZIONE E FINANZIAMENTI

L’AdSP dello Stretto ha stimato i costi di tutti questi interventi, compreso quelli di natura impiantistica e manutenzione dei fondali, in circa 33.000.000 con lavori che si prevede saranno conclusi entro il 2026.

Queste risorse son già tutte disponibili e finanziate:

-con 15.000.000 di euro del Bilancio dello Stato per l’anno 2021 (emendamento Cannizzarro);
-con 6.500.000 di euro con Fondi del PNRR per le aree ZES;
-per il resto, per circa 11.500.000 di euro con fondi del bilancio autonomo della AdSP.

Si prevede l’avvio delle gare di progettazione dei singoli interventi già nei prossimi mesi per poter disporre dei progetti e delle necessarie autorizzazioni entro la fine del 2023. Nel 2024 è previsto l’appalto e l’avvio dei lavori.

Il Presidente Mega ha così commentato la presentazione del primo concept del Masterplan elaborato dall’Atelier(s) Femia: “Il porto di Reggio Calabria dovrà diventare, secondo la programmazione condivisa con l’Amministrazione Comunale, un porto passeggeri integrato con il lungomare cittadino attraverso gli interventi di realizzazione del Museo del Mediterraneo e la riqualificazione del Rione Candeloro. Occorreva quindi elaborare una visione d’insieme per lo sviluppo che riuscisse a tenere insieme le funzioni portuali con le esigenze di fruizione diretta di quegli spazi da parte dei cittadini e dei turisti. Le soluzioni proposte consentiranno di ridurre al minimo le aree operative con limitazioni di accesso per il rispetto delle norma di security valorizzando gli altri ambiti portuali con funzioni di più diretta vivibilità. La rimozione dei silos del cemento, quasi ultimata, e la demolizione dei vecchi fabbricati esistenti alla radice della Banchina vecchia di Levante, che sarà programmata quanto prima, sono i primi segnali di un cambiamento che trasformerà il porto in un salotto della città”.

Atelier(s) Alfonso Femia (Genova, Milano, Parigi) abbraccia tutti i campi della progettazione, dall’architettura residenziale e per uffici, al retail, al recupero degli spazi per la cultura, ai masterplan e ai progetti di rigenerazione urbana con una visione all’avanguardia sugli aspetti ambientali e sulla sostenibilità. È conosciuto a livello internazionale per la progettazione di luoghi iconici e landmark in Francia (Docks di Marsiglia) e in Italia (Quartier generale a Roma del Gruppo BNL/BNP Paribas, i Frigoriferi Milanesi e The Corner a Milano). Nel 2020 ha vinto il concorso per la riqualificazione e valorizzazione della Zecca d’Italia a Roma. Sono 60 le persone che compongono il team degli atelier con competenze diversificate che si integrano e valorizzano l’approccio multidisciplinare. Lo studio ha vinto numerosi premi ed è stato selezionato nelle mostre della Biennale di Architettura di Venezia e per il Premio Europeo Mies van der Rohe, in anni diversi. Riviste internazionali e italiane e testi monografici sono stati dedicati alle opere realizzate.