fbpx

Reggio Calabria, l’Associazione “Don Orione” dà il via al progetto “Io Non Parto Svantaggiato”

Associazione Nazionale Protezione Civile Don Orione

Il progetto “Io Non Parto Svantaggiato” ha lo scopo di delineare le basi per una visione comune e universale, riguardante le attività necessarie atte a garantire la protezione e la sicurezza di persone disabili, in situazioni di rischio o di bisogno

L’Associazione Nazionale di Protezione Civile “Don Orione”, con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, ha attivato il progetto “Io Non Parto Svantaggiato”, diretto all’inclusione, predisponendo una mappa sinottica delle disabilità. Le esperienze di soccorso, anche a livello internazionale, evidenziano che le persone con disabilità, coinvolte in catastrofi naturali, sono colpite in modo sproporzionato, poichè vengono escluse dai processi decisionali e da un’adeguata informazione.

Ogni persona disabile, infatti, richiede un intervento specifico, in situazioni di emergenza, che può avvenire solo grazie ad una mappatura della popolazione, che permette di sapere quanti e quali tipologie di handicap sono presenti sul territorio, così da poter effettuare soccorsi tempestivi, efficaci e qualificati. Il progetto ha, pertanto, lo scopo di delineare le basi per una visione comune e universale, riguardante le attività necessarie atte a garantire la protezione e la sicurezza di persone disabili, in situazioni di rischio o di bisogno. Si tratta, quindi, di un “progetto pilota”, che partirà dal quartiere Vito, per poi coinvolgere l’intero territorio comunale. Ciò consentirà ai volontari di verificare sul campo cosa potrebbe ostacolare l’accesso immediato ai mezzi di soccorso.

Tale censimento verrà effettuato mediante un questionario, che potrà essere ritirato presso gli Info Point allestiti domenica 23 ottobre presso Piazza San Vincenzo, a Vito Superiore, dalle 8:30 alle 11; e Piazza San Nicola, a Vito Inferiore, dalle 10:30 alle 13. I volontari della Protezione civile sono disponibili a fornire tutte le informazioni sull’iniziativa, oltre che il supporto nella compilazione del questionario. I dati raccolti risulteranno codificati, nel rispetto della normativa sulla privacy, e verranno utilizzati esclusivamente per la tutela della salute e l’assolvimento delle attività istituzionali.