fbpx

Reggio Calabria si prepara alla maxi esercitazione sul terremoto del 4 Novembre: “fondamentale il ruolo della protezione civile”

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggio Calabria, interessante convegno promosso dalla Regione Calabria e dalla Protezione Civile regionale in collaborazione con il Comitato Operativo per presentare l’esercitazione Sisma dello Stretto 2022

Si è svolto questa mattina presso l’Auditorium della Scuola Allievi Carabinieri a Reggio Calabria, un interessante convegno dal titolo “Disabilità e Protezione Civile: obiettivi, strumenti e prospettive”.

L’evento è stato promosso dalla Regione Calabria e dalla Protezione Civile regionale in collaborazione con il Comitato Operativo per presentare l’esercitazione Sisma dello Stretto 2022 che verrà effettuata dal 4 al 6 novembre. Il convegno è stato introdotto e moderato dal dirigente generale della Protezione Civile Calabria, Domenico Costarella.

Durante l’incontro si è parlato di vari temi, tra i quali la pianificazione a favore di persone con specifiche necessità, di strumenti e procedure per rispondere correttamente nelle situazioni di emergenza, della creazione delle reti di supporto e il possibile ruolo del terzo settore.

Al convegno hanno partecipato il consulente della Giunta regionale in materia sanitaria e di Protezione Civile, Agostino Miozzo, il direttore generale del Dipartimento Lavoro e Welfare, Roberto Cosentino, il referente sanitario per l’emergenza in Calabria, generale Antonio Battistini, i sindaci e i presidenti regionali delle associazioni Fand e Fish di Calabria e Sicilia e di altre associazioni del terzo settore attive nell’assistenza a persone fragili e particolarmente vulnerabili.

In queste ore si sta procedendo anche all’istallazione di una tensostruttura sul Lungomare in cui verrà allestita la mostra dei Terremoti d’Italia che prevede anche la presenza di simulatori sismici per chi vorrà fare questa esperienza” afferma ai microfoni di StrettoWeb Domenico Costarella, Direttore Generale Protezione civile Calabria.

“L’esercitazione inizierà il 4 novembre e ci sarà la simulazione di una scossa di terremoto nella mattinata: arriverà sul cellulare dei cittadini un messaggio che non dirà nulla di preoccupante ma semplicemente un test del funzionamento di un sistema di monitoraggio, in questo sms verranno avvertiti i cittadini di questa esercitazione e se si vogliono maggiori informazioni si dovrà seguire su un sito dedicato. Il 5 novembre invece ci saranno gli scenari operativi al Duomo, al Museo e all’Ospedale Morelli“, conclude Costarella.

Presente al convegno anche Agostino Miozzo consulente della Giunta regionale in materia sanitaria e di Protezione Civile che ha affermato: “la pianificazione e la preparazione all’emergenza è il vero problema soprattutto per le tematiche della disabilità e occuparsi della disabilità significa occuparsi della salute collettiva perchè più siamo attenti ai problemi dei fragili e più siamo attenti ai problemi del contesto collettivo”.

In questo territorio non dobbiamo rimanere ancorati alla memoria storica del terremoto di Messina e Reggio Calabria di più di 100 anni fa, questa Regione e questo territorio vive tutti i giorni, tutte le settimane e tutti i mesi situazione di emergenza più o meno complicata per questo dobbiamo prepararci a conoscere il territorio” ha affermato ancora Miozzo.

Intervistata ai microfoni di StrettoWeb anche Isabella Bartoli referente sanitario maxi emergenze e direttore centrale operativa 118 Sicilia Ct-Rg-Rs che ha affermato: “la situazione in Sicilia non è messa male perchè siamo stati motivati a portare avanti questo modello organizzativo per cui tra esercitazioni e la realtà, perchè abbiamo vissuto il covid ed emergenza Ucraina, abbiamo allenato i nostri ruoli e quindi tutta la catena organizzativa. C’è tanto da fare però siamo a buon punto e credo che la Sicilia con quest’altra opportunità di una sinergia con la regione vicina quindi l’uno a supporto dell’altro e l’altro a supporto dell’uno, potremo iniziare un percorso virtuoso che da a queste due Regioni una risposta corretta ed efficace in caso di un grande evento”.

Sisma dello Stretto 2022, intervista a Domenico Costarella Direttore Generale Protezione civile Calabria | VIDEO

Agostino Miozzo: “superare la memoria del terremoto del 1908 per superare le emergenze attuali” | VIDEO

Sisma dello Stretto 2022, intervista ad Isabella Bartoli referente sanitario maxi emergenze Sicilia | VIDEO