fbpx

Quirinale, anche Reggio Calabria e Messina alla premiazione dei Cavalieri del Lavoro

Vittoria Altomonte e Adelaide Librizzi hanno ottenuto il titolo di Alfiere del Lavoro. Per la Calabria presente inoltre Cosenza con la studentessa Alice Rizzo, per la Sicilia lo studente Luigi Ingala di Enna

Si è svolta questa mattina, al palazzo del Quirinale, la cerimonia di consegna delle onorificenze dell’ordine “al merito del lavoro” ai Cavalieri e agli Alfieri 2022. Ad esultare anche la Calabria e la Sicilia: premiati con il titolo di “Alfiere” le giovani studentesse Vittoria Altomonte (Bova Marina, Reggio Calabria), Alice Rizzo (Cosenza) e Adelaide Librizzi (Capo d’Orlando, Messina). Riconoscimento di “Cavaliere” per Carmelo Giuffrè, Presidente e AD di Irritec (industria a livello mondiale con sede sempre a Capo d’Orlando), stamattina al Palazzo del Quirinale ha ricevuto dalle mani del Presidente della Repubblica il riconoscimento di Cavaliere dell’Ordine al “Merito del Lavoro”. Hanno preso la parola il vice presidente della Federazione nazionale dei Cavalieri del lavoro, Lorenzo Sassoli de Bianchi, e il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver consegnato le insegne ai Cavalieri del lavoro e gli attestati d’onore ai nuovi alfieri del lavoro, ha pronunciato un discorso.

  • Alfiere del Lavoro Adelaide Librizzi, Liceo Lucio Piccolo (Capo d’Orlando), media 9.93. Facoltà scelta Chimica e Tecnologia Farmaceutiche dell’Università di Messina;
  • Alfiere del Lavoro, Alice Rizzo, Liceo Classico Telesio di Cosenza, media 10. Facoltà scelta Medicina e Ingegneria Biomedica del Politecnico Milano. Scrive poesie e ha vinto diversi premi letterari;
  • Alfiere del Lavoro Vittoria Altomonte, ISS Euclide di Bova Marina, media 9.95. Facoltà scelta Astronomia dell’Università di Padova. Da liceale è già stata al Cern di Ginevra e alla Nasa in Florida;
  • Alfiere del Lavoro Luigi Ingala, Liceo Falcone (Barrafranca, Enna).

Erano presenti anche il presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, la presidente della Corte costituzionale, Silvana Sciarra, il vice presidente della Camera dei deputati, Andrea Mandelli, rappresentanti del governo, del Parlamento e del mondo dell’imprenditoria. In precedenza il presidente Mattarella aveva consegnato il distintivo d’oro ai Cavalieri del lavoro che appartengono all’ordine da 25 anni.

“Una guerra sciagurata, che la Federazione Russa ha scatenato arrogandosi un inaccettabile diritto di aggressione, lascia ogni giorno una scia di morte, di distruzione, di odio, che inquina anche ogni campo delle attività civili e delle relazioni”. E’ quanto dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla guerra in Ucraina parlando ai Cavalieri del lavoro, prima di aggiunge: “La pace è urgente e necessaria. La via per costruirla passa da un ristabilimento della verità, del diritto internazionale, della libertà del popolo ucraino”. “L’Europa è un bersaglio di questa guerra – osserva il capo dello Stato – . Ne sono sfidati i principi di civiltà, i valori che si sono affermati come risposta dei popoli alla barbarie della Seconda guerra mondiale e delle dittature che l’hanno provocata. Anche per questo l’Europa ha il dovere di una risposta unitaria e coerente”.