fbpx

Reggio Calabria, quale destino per il Lido Comunale? Quali tempi per ripristino e rilancio?

Lido Comunale Reggio Calabria Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Sono le domande poste dall’Associazione politico-culturale “La Strada

Qual è il destino del Lido Comunale? Quali sono i tempi del suo completo ripristino e rilancio? La Strada segue sempre con attenzione la vita di questo bene fondamentale per la città di Reggio Calabria. Nel tempo abbiamo visto solo abbandono, degrado e interventi quantomeno discutibili, senza programmazione apparente. Ora ci auguriamo di entrare in una fase diversa e che, finalmente, Reggio possa avere il suo Lido, con la sua storia e la sua bellezza. Ma, allo stato attuale, non è possibile definire tempi certi sulla progettazione né sulle fasi successive“. È quanto si legge nel comunicato stampa inviato dall’Associazione politico-culturale “La Strada“.

Occorre che prima l’Amministrazione Comunale adempia alla diagnosi strutturale sul bene. Con il consigliere Saverio Pazzano abbiamo richiesto in commissione a che punto siamo con le indagini sulla stabilità del Lido Comunale. – si legge ancora nel comunicato – Il riscontro è che ci troviamo alle fasi conclusive della raccolta dei dati, che poi dovranno essere valutate dai tecnici. Solo successivamente si potrà aprire la reale fase di progettazione. Dobbiamo sapere in tempi celeri quali azioni di consolidamento, quali tipologie di intervento vadano ragionate in fase di progettazione. Siamo ancora in questa fase tutta preliminare.

Abbiamo sollecitato perché il Comune esegua il prima possibile questi necessari e propedeutici adempimenti tecnici. Senza questi non sappiamo, purtroppo, di cosa parliamo praticamente (non in termini di visione ideale) quando parliamo del futuro del Lido Comunale. I 2 milioni di euro che nel 2020 il Mibact ha ottenuto per il restauro e la riqualificazione del Lido Comunale attendono ancora le attività di indagine del Comune. Reggio ha fretta di riprendere il proprio rapporto col mare, con la sua storia, con un luogo che rappresenta il peggio della città ma che potrebbe rappresentare la sua parte migliore“.