fbpx

Reggina-Perugia 2-3: gli amaranto si svegliano tardi e cadono per la prima volta al Granillo

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggina-Perugia, tutti gli aggiornamenti in tempo reale dal Granillo: formazioni ufficiali, cronaca testuale live, tabellino e ricco post gara con pagelle e dichiarazioni

Difficile da commentare, una partita del genere. La Reggina cade per la prima volta in stagione al Granillo, nella partita e nel momento più inaspettato. Passa l’ultima in classifica, il Perugia, che vince per 2-3 al termine di una settimana da incubo. La Reggina cade nella famosa “trappola” temibile alla vigilia: non punge, pensa di essere più forte. E dorme. Dietro, quella che era stata la difesa meno battuta fino ad oggi, combina un disastro. Melchiorri sembra Cristiano Ronaldo e fa un po’ quello che vuole. Il Perugia si chiude e serve lui, con la gentile concessione di Cionek (soprattutto e Gagliolo). E così fa 0-1. Chiusi gli spazi, per la Reggina la reazione è a metà, sterile, con qualche conclusione e un Gori (quello del Perugia) insuperabile. La svolta può esserci a metà ripresa, con l’espulsione per Santoro. Ed effettivamente c’è, ma per il Perugia. In difesa combinano una frittata, con tanto di rigore per fallo di Cionek (ammonito). Melchiorri raddoppia e chiude. E’ Di Serio, poco dopo, a scappare ancora una volta a Cionek per il terzo gol. Gli amaranto, alla fine, decidono di svegliarsi: Gori fa 1-3, Fabbian fa 2-3 e poi è assalto, con Cicerelli che prende la traversa su punizione. Sconfitta francamente inspiegabile e tanto, tanto rammarico, per quello che poi è stato. Di seguito il tabellino.

Reggina-Perugia 2-3, il tabellino

Marcatori: 21′ Melchiorri (P), 62′ rig. Melchiorri (P), 73′ Di Serio (P), 80′ Gori (R), 87′ Fabbian (R).

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Cionek, Gagliolo, Di Chiara (70′ Di Chiara); Fabbian, Majer, Hernani (57′ Gori); Ricci (57′ Cicerelli), Ménez, Rivas (76′ Canotto). In panchina: Aglietti, Ravaglia, Bouah, Camporese, Giraudo, Liotti, Loiacono, Obi. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Perugia (3-5-2): Gori; Sgarbi, Curado, Dell’Orco; Casasola, Iannoni (87′ Kouan), Bartolomei, Santoro, Paz; Strizzolo (58′ Luperini), Melchiorri (70′ Di Serio). In panchina: Moro, Righetti, Vulikic, Vulic, Olivieri, Di Carmine, Lisi, Kouan. Allenatore: Fabrizio Castori.

Arbitro: Francesco Meraviglia di Pistoia. Assistenti: Davide Moro di Schio e Thomas Miniutti di Maniago. IV ufficiale: Fabio Rosario Luongo di Napoli. VAR: Federico Dionisi de L’Aquila. A-VAR: Salvatore Affatato di Vco.

Note – Spettatori totali: 8.974, di cui 4.130 abbonati e 52 ospiti. Ammoniti: Majer (R), Paz (P), Santoro (P), Cionek (R), Casasola (P). Espulsi: Santoro al 54′ per somma di ammonizioni. Calci d’angolo: 7-5. Recupero: 3′ pt, 5′ st.

Reggina-Perugia 2-3, le pagelle di StrettoWeb: Cionek disastroso, male Hernani

Perde la Reggina, sprofonda il Cosenza: la nuova classifica di Serie B

Reggina, Inzaghi: “comincio a stufarmi degli episodi arbitrali, ma dobbiamo svegliarci” | VIDEO

Reggina-Perugia, Castori: “segnati due gol in 10, vinto con sofferenza in un campo difficilissimo”

Reggina-Perugia, Gori: “dovevamo aprire subito la partita, ci siamo svegliati tardi”

Reggina-Perugia, cronaca testuale live

90′ – Finisce qui: il Perugia passa al Granillo, non basta la reazione (tardiva) della Reggina.

90’+ – Non finiscono le emozioni al Granillo: Cicerelli su punizione colpisce la traversa!

90′ – Giallo per Casasola, ora è clamoroso assolto. E la Reggina prova il miracolo! Intanto sono 5 i minuti di recupero.

87′ – 2-3 Reggina, che tenta il miracolo a pochi minuti dalla fine: Canotto sfonda e la mette in mezzo, dove Fabbian buca il portiere da due passi.

80′ – La Reggina accorcia: segna Gori di testa, 1-3.

73′ – Clamoroso al Granillo, il Perugia fa tris! Di Serio scappa via a un Cionek oggi disastroso e conclude a rete in contropiede. Gol identico al primo e identico a quello di Parma.

70′ – Altro cambio per Inzaghi: entra Crisetig per Di Chiara. Fuori anche per il Perugia Melchiorri, autore dei due gol perugini.

68′ – Clamorosa doppia occasione per la Reggina: prima Cicerelli, poi Majer, ma Gori le prende tutte. Pazzesco!

61′ – Melchiorri realizza e fa doppietta. 0-2 Perugia al Granillo, in inferiorità numerica.

60′ – Doccia gelata al Granillo: rigore per il Perugia. Clamorosa dormita difensiva di gruppo, con Cionek che atterra l’avversario e viene ammonito.

56′ – Fuori Ricci e Hernani, dentro Gori e Cicerelli.

54′ – Perugia in 10, espulso Santoro! Doppio giallo per il giocatore umbro. Per la cronaca: è stato l’arbitro a segnalare non il giallo, ma il fallo. Per l’arbitro, non c’era neanche questo.

53′ – CLAMOROSA DOPPIA OCCASIONE PER LA REGGINA, MA GORI SI APRE: prima Pierozzi, poi Rivas.

50′ – Ammonito Santoro per il Perugia.

46′ – Comincia la ripresa di Reggina-Perugia: al momento Inzaghi non cambia nessuno. Subito Gagliolo di testa su corner, palla fuori.

SECONDO TEMPO

45’+3 – Finisce il primo tempo di Reggina-Perugia: amaranto sotto. Prevedibile l’atteggiamento ospite, ma la Reggina si fa beffare in una delle tante ripartenze ospiti. Adesso è difficile trovare varchi per affondare. Probabile che Inzaghi cambi qualcosa all’intervallo, per provare a sfondare il muro avversario.

45′ – Tre i minuti di recupero concessi dall’arbitro.

44′ – La Reggina ci prova da piazzato: Hernani trova Gori preparato.

41′ – Ed ecco, infatti, l’ennesima ripartenza Perugia: azione simil-Parma, ma Colombi questa volta respinge.

36′ – Adesso, come prevedibile, il Perugia ha indirizzato la gara dove voleva: tutti “in the box” e palla a Melchiorri, che fa a sportellate e fa ripartire la squadra.

34′ – Punizione dal limite per il Perugia. Blocca Colombi dopo ribattuta.

31′ – Eccolo il primo ammonito per il Perugia: Paz entra di nuovo male su Ricci, questa volta c’è il giallo.

36′ – Majer da fuori, che conclusione! Respinge Gori.

25′ – La reazione amaranto c’è: Ricci conclude, blocca Gori.

23′ – Atterrato Hernani in area, veementi proteste Reggina, ma l’arbitro assegna rimessa laterale. Più di una decisione dubbia sta innervosendo il match, a neanche mezz’ora dall’inizio.

21′ – Perugia in vantaggio: dopo una lunghissima attesa, il Var assegna il gol. Non c’è offside e, a questo punto, neanche fallo di Melchiorri su Cionek.

20′ – Si aspetta ancora il Var: decisione lunga ed, evidentemente, difficile.

18′ – Perugia in vantaggio, ma il gol è annullato per fuorigioco: Merlchiorri beffa Cionek e va, battendo Colombi. Bandierina alzata, ma si attende la conferma del Var.

17′ – Eccola la prima occasione amaranto: Menez riceve e fa sponda di prima per Menez, che punta l’uomo e conclude, ma Gori respinge.

15′ – Due interventi pericolosi del Perugia, che l’arbitro non sanziona con il giallo. Si vanno ad aggiungere a quello di Kouan in avvio. Sanzionato al primo fallo, invece, Majer.

12′ – Ora serie di corner per il Perugia, che prova a colpire su piazzato.

10′ – Primo giallo del match, pesantuccio: ammonito Majer, che ha fermato con le cattive un avversario dopo disimpegno errato di Hernani in posizione pericolosa. L’ex Lecce sarà limitato per tutto il resto della gara.

5′ – Brutta entrata di Paz su Ricci, l’arbitro lo grazia. In questi primi minuti, ancora fase di studio da parte di entrambe. Ora piazzato della Reggina dai 35 metri. Respinto il cross di Hernani, sulla ribattuta Ricci manda fuori.

2′ – Subito primo corner, è per il Perugia. Qualche secondo prima ha provato a sfondare Rivas in velocità sulla sinistra.

1′ – Si parte: comincia Reggina-Perugia! Gli amaranto, in questi primi 45 minuti, attaccheranno verso la Curva Sud.

PRIMO TEMPO

Reggina-Perugia, prepartita

ore 13.50 – Solita bella atmosfera al Granillo, nell’ennesima giornata che di ottobre non ha proprio nulla. Cominciano a riempirsi i gradoni del Granillo. Il fischio d’inizio delle ore 14, purtroppo, limita più di qualcuno, ma c’è da attendersi comunque un interessantissimo colpo d’occhio.

Reggina-Perugia, formazioni ufficiali

Alla fine, a dispetto delle impressioni iniziali, Inzaghi conferma quasi tutti rispetto a Parma. Nei fatti, è la stessa squadra che ha vinto il derby, con Ricci che torna titolare a destra in luogo di Canotto. Confermato tutto il resto, con Majer vertice basso, Hernani mezz’ala, Gagliolo al centro e Menez ancora falso nove. La rivoluzione, ma era prevedibile, la fa invece Castori, che torna al 3-5-2 ma cambia molto: centrocampo, specie in mezzo, quasi nuovo di zecca, mentre davanti c’è Melchiorri al posto di Di Carmine.

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Cionek, Gagliolo, Di Chiara; Fabbian, Majer, Hernani; Ricci, Ménez, Rivas. In panchina: Aglietti, Ravaglia, Bouah, Camporese, Giraudo, Liotti, Loiacono, Crisetig, Obi, Canotto, Cicerelli, Gori. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Perugia (3-5-2): Gori; Sgarbi, Curado, Dell’Orco; Casasola, Iannoni, Bartolomei, Santoro, Paz; Strizzolo, Melchiorri. In panchina: Moro, Righetti, Vulikic, Vulic, Olivieri, Luperini, Di Carmine, Di Serio, Lisi, Kouan. Allenatore: Fabrizio Castori.

Arbitro: Francesco Meraviglia di Pistoia. Assistenti: Davide Moro di Schio e Thomas Miniutti di Maniago. IV ufficiale: Fabio Rosario Luongo di Napoli. VAR: Federico Dionisi de L’Aquila. A-VAR: Salvatore Affatato di Vco.