fbpx

Ospedale di Milazzo: l’Asp valuta l’ipotesi per far restare il pronto soccorso nell’ospedale della città mamertina

ospedale milazzo coronavirus messina

Ospedale di Milazzo, si è svolta oggi una riunione durante la quale si è presa in considerazione l’ipotesi di spostare il pronto soccorso generale nel reparto di Psichiatria

Si è svolta oggi preso la direzione generale dell’Asp di Messina una riunione alla quale ha partecipato la direzione strategica, la direzione Asp, la ditta aggiudicataria e personale del pronto soccorso dell’ospedale di Milazzo e durante la quale si è presa in considerazione l’ipotesi di spostare il pronto soccorso generale nel reparto di Psichiatria, per farlo rimanere nello stesso nosocomio a Milazzo. Domani in quest’ottica si svolgerà un ulteriore sopralluogo per verificare la validità della proposta. La riunione si è svolta oggi dopo numerose sollecitazioni da parte dell’amministrazione comunale di Milazzo, del Sindaco Giuseppe Midili, del deputato regionale di Fdi Pino Galluzzo e di tutte le sigle sindacali, poiché era stata stato paventato lo spostamento del pronto soccorso all’ospedale di Barcellona. Come sempre i vertici dell’Asp stanno hanno agito nell’interesse della comunità e stanno valutando la migliore soluzione possibile per pazienti, sanitari e cittadini del comprensorio.

Messina, Cisl: “attendiamo valutazioni dopo sopralluogo”

“Prendiamo atto positivamente che si sta lavorando per mantenere il presidio di pronto soccorso a Milazzo, ipotizzando lo spostamento nel reparto di Psichiatria”. È il commento a caldo del segretario generale della Cisl Messina, Antonino Alibrandi, dopo la notizia della riunione tenutasi all’Asp di Messina e della decisione di valutare l’eventualità di non trasferire l’importante punto di emergenza all’ospedale di Barcellona. “Ribadiamo che quella di Milazzo è un’area industriale con siti produttivi ad alta incidenza di rischio e che potrebbero avere necessità in caso di emergenza”, ricorda Alibrandi che aveva espresso immediatamente la preoccupazione della Cisl e delle federazioni del Pubblico Impiego, dei Pensionati e dei Medici insieme ai rispettivi segretari generali Giovanna Bicchieri, Giovanni Ammendolia e Giuseppe Costa, sull’ipotesi di spostare il pronto soccorso. “Attendiamo di conoscere l’esito delle valutazioni che verranno fatte dopo il sopralluogo in programma domani ma saremo vigili affinché i disagi e le preoccupazioni che quotidianamente raccogliamo dalla comunità, soprattutto di anziani e soggetti fragili, per le lunghe file e le attese, non siano incrementati dalla scelta di concentrare la platea di due vasti comprensori su un unico pronto soccorso. Riteniamo, tra l’altro, che sarebbe comunque opportuno rifunzionalizzare e potenziare il presidio di emergenza dell’ospedale Cutroni Zodda di Barcellona perché, insieme al Fogliani di Milazzo, possa fornire una valida assistenza ad un così vasto territorio”.

Milazzo, Leanza (Pd): “buona notizia impegno dell’Asp contro la chiusura del pronto soccorso”

Sulla vicenda del pronto soccorso di Milazzo interviene il parlamentare regionale del Pd, Calogero Leanza, dopo la nota diramata dall’Asp di Messina, nella quale l’Azienda sanitaria si impegna a trovare una soluzione per lasciare attivo l’importante presidio di sicurezza nella città mamertina: “prendiamo atto positivamente dell’ipotesi di spostamento del pronto soccorso nel reparto di psichiatria – afferma il deputato all’Ars – operazione che consentirebbe la continuità del servizio nell’ospedale di Milazzo. Personalmente starò attento all’evolversi della vicenda. Il ruolo che mi accingo a svolgere all’Assemblea regionale siciliana mi vedrà impegnato fin da subito, ponendo all’attenzione del Governo dell’Isola, che si accinge ad insediarsi, la questione dell’offerta sanitaria in provincia di Messina e, appunto, nel caso specifico della fascia tirrenica che ingloba un bacino d’utenza non secondario. Quest’ultimo aspetto impone la presenza di un pronto soccorso operativo, funzionale e con un organico adeguato, considerato che ad oggi il personale medico è stato costretto a turni massacranti, oltre alle varie problematiche legate alla medicina territoriale in tutta la provincia”. “Registriamo, quindi, con ottimismo la disponibilità dell’Asp, convinti che lo spostamento del pronto soccorso di Milazzo all’ospedale di Barcellona, non fosse la soluzione migliore – aggiunge Calogero Leanza – valutate anche le difficoltà che da anni attraversa il nosocomio con il rischio di acuire ulteriormente i disagi per la comunità milazzese, della Valle del Mela e delle Isole Eolie”. Il deputato regionale ricorda, infine, le numerose prese di posizione già espresse su tale delicato tema da importanti realtà sindacali e da numerose associazioni del territorio, “non ultima – rammenta Leanza – quella di Cittadinanza Attiva. Già dalle prossime settimane, mi confronterò con i circoli del Partito Democratico e con i consigli comunali di Milazzo e Barcellona che da anni portano avanti iniziative e proposte concrete, per seguire quanto più possibile da vicino l’evolversi della questione”.