fbpx

Messina, lettera a Basile su società gestione ato idrico e annullamento progetto grande Amam

federico basile

I sindacati scrivono al Sindaco di Messina Basile in merito alla società gestione ato idrico e all’annullamento del progetto grande Amam

“Lo scorso 19 settembre, dopo che i sindaci della città metropolitana avevano eletto i vertici di una nuova società di gestione del servizio idrico, scartando di fatto l’Amam, chiedemmo un incontro per discutere sul futuro della società partecipata e sulle ricadute. Prima del dovuto confronto con i nuovi designati ritenevamo, e riteniamo ancora, importante conoscere, alla luce di quanto avvenuto, quali sono le intenzioni dell’amministrazione comunale di Messina dato che da un lato detiene la quota azionaria più grande della nuova società, e dall’altro è socio unico dell’Amam. E’ quindi indispensabile, così come Vi avevamo scritto, ragionare circa le prospettive del servizio e dei lavoratori impiegati. Ed avere chiarimenti sui conti della partecipata, i cui dubbi al riguardo sono stati – secondo la stampa – la causa principale che ha spinto i sindaci a preferirgli la creazione di una nuova società. Non comprendendo quindi il motivo del Vs. silenzio, rinnoviamo pertanto la richiesta di un incontro di merito. Distinti saluti”.

E’ quanto si legge nella lettera aperta dei sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil al Sindaco di Messina Basile in merito alla società gestione ato idrico e all’annullamento del progetto grande Amam.