fbpx

Messina, Dad&Son vince la 7H Endurance dopo un finale mozzafiato

  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
  • Foto di Vincenzo Nicita Mauro
    Foto di Vincenzo Nicita Mauro
/

Quattro team si sono dati battaglia fino all’ultimo giro, entusiasmando il pubblico del Kartodromo di Messina. La coppia Elio Lucchesi-Filippo Leo si è aggiudicata la gara, sesta prova del Campionato Regionale ASI – SWS Endurance Cup 2022, organizzato dal Karting Club Messina del responsabile Duilio Petrullo. Secondo Dammuso RT, terzo Gattopardo, poi Apulia

Emozionante e incerta fino all’ultimo giro. Ha tenuto tutti col fiato sospeso la 7H Endurance, sesta prova del Campionato Regionale ASI – SWS Endurance Cup 2022, organizzato dal Karting Club Messina del responsabile Duilio Petrullo. Sul circuito del Kartodromo di Messina si è tornati ufficialmente a correre dopo la pausa estiva e lo spettacolo offerto al numeroso pubblico presente sugli spalti è stato davvero esaltante. Alla chiusura della pit lane, quando mancavano 5’ al termine della gara, quattro team si sono dati battaglia per conquistare l’agognato successo. A spuntarla, in un finale avvincente, è stato Dammuso Dad&Son (Elio Lucchesi e Filippo Leo), che ha preceduto di un soffio le tre squadre dirette rivali, a parità di giri (567) dopo i 16 pit stop effettuati. Braccia al cielo per Lucchesi che ha tagliato per primo il traguardo allo scoccare delle 7 ore, esultando allo sventolare della bandiera a scacchi. Stabilito, inoltre, da Leo il best lap (38.455) della 7H Endurance. Per i piloti del Dammuso Dad&Son anche la gioia del prestigioso premio aggiuntivo previsto dal Karting Club Messina, ovvero l’iscrizione alla 7H in Portogallo, sul circuito di Viana do Castelo, in programma il 19 novembre.

Al secondo posto, con un gap di 1.719, si è piazzato Dammuso RT (Ivan Bottari-Sebastian Arnò) che aveva condotto la prova nell’arco di varie fasi. Terzo Gattopardo (Pietro Grima-Fabrizio Anello) a 10.682, con Grima autore della pole position (38.613) nelle qualifiche. Sulla griglia di partenza Gattopardo aveva preceduto al via Dammuso Dad&Son e Dammuso RT, ordine poi sovvertito in gara. Quarto classificato, nella F1, Apulia (Valentino Fusco e Sara La Fauci), a 22.904, partito sesto e bravo a guadagnare due posizioni, rimanendo a stretto contatto con il podio. Quinto, a due giri, MRT Pro (Pizzuti-Rizzo), sesta Trinacria RT (Romano-Tappa), a tre giri.

Sedici le squadre che hanno partecipato all’evento, in conclusione del quale sono stati premiati i primi tre team classificati di ciascuna categoria. The Drifters (Barbaro-Miduri) ha prevalso nella F2 (Amatori) con 558 giri percorsi e un buon margine di vantaggio davanti a Sport KFP (Scarcella-Sturiale-Gullotta) e LM Racing Team (Minutoli-Talluto). Per la F3 (Esordienti) affermazione di Academy KFP (Barrile-Ruggeri-Pittella) in 552 giri su Maiden MRT (Villa-Scimone-Cesareo), secondo a 3.842 e F3 Tyrrell (Pipitone-Curcio-Cannatella). Il prossimo 23 ottobre in calendario un nuovo appuntamento, con la quarta giornata del campionato Sprint SWS 2022.