fbpx

Reggio Calabria, il 30 ottobre l’inaugurazione della biblioteca solidale presso la piazzetta di viale Galileo Galilei

Reggio Calabria, il 30 ottobre inaugurazione della biblioteca solidale presso la piazzetta di Viale Galileo Galilei

Il 30 ottobre, alle ore 10:30, verrà inaugurata la biblioteca solidale presso la piazzetta di viale Galileo Galilei a Reggio Calabria

L’AIL Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma e il Comitato di quartiere Ferrovieri Pescatori insieme per una nuova iniziativa che punta a valorizzare i concetti di cultura, solidarietà e partecipazione. Domenica 30 ottobre 2022 alle ore 10,30, presso la piazzetta di Viale Galilei festeggeremo tutti l’inaugurazione della biblioteca solidale, donata al Comitato di quartiere Ferrovieri Pescatori dall’AIL, sezione Alberto Neri di Reggio Calabria e Vibo Valentia“. È quanto si legge in un comunicato stampa inviato da AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma) Reggio Calabria.

La villetta di Viale Galilei, un tempo luogo di degrado, illegalità e ricettacolo di ogni tipo di rifiuti è stata da tempo adottata dal Comitato di quartiere che l’ha trasformata, a proprie spese e con l’aiuto dei tanti associati, in un luogo accogliente per tutti i cittadini, che possono trascorrervi momenti di aggregazione e serenità. – aggiunge AIL Reggio Calabria – Dal 30 ottobre accoglierà anche una piccola biblioteca solidale, un omaggio alla cultura della condivisione, dello scambio che diventa ricchezza per tutti, valori pregnanti e significativi sia per AIL che per il Comitato di quartiere Ferrovieri Pescatori, che si spendono quotidianamente per il bene comune, con la consapevolezza che solo tutti insieme, aprendo il nostro cuore, azione dopo azione, possiamo concretamente migliorare la vita della persone che ci circondano e la vivibilità dei quartieri in cui viviamo, ritrovando il piacere delle piccole cose e la bellezza dei piccoli gesti che danno la giusta importanza ai veri valori della vita“.

L’esperienza della lettura e l’esperienza del volontariato hanno in comune un messaggio di apertura verso gli altri e verso il mondo. – conclude AIL – Un libro è solo un oggetto se rimane chiuso ma se aperto diventa un’esperienza magica che non si conclude alla parola fine della storia, è nutrimento per la mente, ponte tra culture diverse, seme di conoscenza e libertà, strumento di crescita e di riflessione e noi ci auguriamo che questi libri che oggi, insieme, doniamo alla città vengano aperti, letti, nuovamente donati e creino un continuo circuito di emozioni positive per contribuire non solo alla crescita culturale ma anche e soprattutto alla crescita del senso di consapevolezza, di empatia verso gli altri e amore per tutto ciò che ci circonda“.