fbpx

Economia, tenuta sociale e invio armi all’Ucraina: Crosetto delinea la strategia del nuovo governo

crosetto meloni Foto di Ettore Ferrari / Ansa

Guido Crosetto, neo ministro della Difesa del nuovo governo Meloni, fa chiarezza sui temi scottanti da affrontare: dalla tenuta sociale ai risvolti della guerra in Ucraina sull’economia italiana, passando per l’invio di armi a Kiev

Ci aspettano settimane e mesi molto difficili: serve il massimo impegno del governo. Ma è necessaria anche un’unità di intenti, da parte di tutti gli attori politici, e una maturità che ci consenta di uscire da questa crisi. In ballo c’è la sicurezza del Paese“. È quanto dichiarato in un’intervista a ‘La Repubblica’ dal neo ministro della Difesa del governo Meloni, Guido Crosetto.

Il tema principale è la tenuta sociale ed economica. L’inflazione, l’aumento del gas, dell’energia e di tutte le materie prime – riconosce Crosettostanno incidendo in maniera violenta sui redditi e i risparmi di 60 milioni di italiani e su una parte del sistema produttivo. Penso a chi ha un solo stipendio e una famiglia numerosa. A chi gestisce un bar e non riesce a pagare le bollette, all’azienda che deve esportare e non è più competitiva. C’è un rischio fortissimo di povertà e disoccupazione. Dunque, di rabbia. Ed è con quella che dobbiamo fare i conti sapendo che può rappresentare un punto di instabilità interna che si somma ai problemi internazionali“.

In merito alle ripercussioni del conflitto in Ucraina sull’economia italiana Crosetto sottolinea: “in realtà è la speculazione sulla guerra la cosa che sta incidendo di più su gas e materie prime. Sto dicendo che la rabbia cerca sempre colpevoli e le piazze arrabbiate non fanno male ai governi. Ma alle nazioni. Quindi dico che, mai come in questo momento, serve maturità per affrontare un periodo difficile. Avendo la consapevolezza che la rabbia dipende da fattori esogeni.

Aggiungo una cosa: l’interesse della Russia in questo momento è indebolire tutti i Paesi che sostengono l’Ucraina, a partire dall’Italia. Soprattutto puntando sulle opinioni pubbliche: fare attaccare i singoli Paesi dall’interno, dagli elettori, impauriti e scontenti. Ecco, è esattamente quello che dobbiamo evitare in Italia. Mi ha colpito in questo senso la lettura di alcuni media russi che hanno raccontato il governo come debole e diviso e così non è”.

Sull’invio di armi a Kiev “la posizione del governo – sottolinea ancora Crosetto è quella espressa più volte dalla presidente Meloni: quando fai parte di una famiglia e hai firmato un accordo, allora accetti le decisioni che quel gruppo prende. Le decisioni che verranno prese nel quadro delle nostre storiche alleanze internazionali, saranno rispettate dall’Italia. Su questo non ci sarà alcuna divisione“.