fbpx

Lo show di De Luca contro Bruno Vespa: “stupore indegno a Porta a Porta per le nostre vittorie, non sono Masaniello”

gallo, musolino, de luca

Lo show di De Luca alla Camera: “i miei genitori attendono 1.000 euro di pensione come promesso da Berlusconi”

E’ appena terminata, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati a Roma, la conferenza stampa di presentazione degli eletti al Senato e alla Camera dei deputati del movimento Sud Chiama Nord. Il movimento di Cateno De Luca nel corso della recente tornata elettorale ha registrato un risultato eccellente ottenendo 1% a livello nazionale che ha consentito l’elezione alla camera di Francesco Gallo, già vicesindaco del comune di Messina, ed al Senato di Dafne Musolino, già assessore al comune di Messina.

“Messina oggi- afferma il leader di Sicilia Vera e Sud chiama Nord Cateno De Luca– può contare su due rappresentanti al Senato e alla Camera dei deputati. Dafne Musolino e Francesco Gallo saranno la nostra voce al Parlamento nazionale e Sud Chiama Nord getta le basi per costruire la rete sull’intero territorio. È un risultato che premia la nostra azione amministrativa e un progetto politico nato a Messina che oggi è una realtà nel panorama politico nazionale rendendoci sempre più protagonisti del nostro territorio. Siamo qui per essere protagonisti e dare risposte: attendiamo l’aumento a 1.000 euro delle pensioni come promesso da Silvio Berlusconi anche i miei genitori, dopo 40 anni di lavoro, attendono un ritocco. Vespa? Stupore indegno a Porta Porta per le nostre vittorie, altro che masaniello. Sono stato sindaco in tre comuni dove la gente ha eletto persone da me indicate dopo la fine delle mie sindacature e tra l’altro sono stato eletto per ben tre volte deputato regionale. Addirittura nelle tv nazionali venivano menzionati partiti dell0 zero virgola, e che non hanno eletto nessuno, mentre noi abbiamo eletti due rappresentanti vincendo le sfide all’Uninominale contro Centro/Destra, Centro/Sinistra e grillini”, evidenza De Luca.

“Noi come il Movimento 5 Stelle? Assolutamente no. Noi veniamo dal territorio e abbiamo dimostrato di saper amministrare e l’esempio sono Musolino e Gallo che sono stati al mio fianco a Palazzo Zanca. Il Ponte sullo Stretto? Sono favorevole”, rimarca De Luca. Oltre a Musolino, Gallo e De Luca erano presenti il deputato regionale siciliano e presidente del Movimento, Ismaele La Vardera, ed il parlamentare nazionale uscente Carmelo Lo Monte ringraziato con grande enfasi dall’ex sindaco di Messina (“si è messo a disposizione del progetto facendo un passo di lato”).