fbpx

Covid, l’appello degli esperti al Governo: “stop quarantena per i positivi”

bassetti gismondo covid

Alcune misure di prevenzione, ancora oggi in vigore in Italia, secondo virologi e microbiologi non sono più coerenti con l’attuale situazione epidemiologica

“Continuare a considerare il Covid come nel 2020-21 è un grave errore”. E’ sostanzialmente questo il concetto sottolineato dagli esperti che a voce unificata chiedono di rimuovere la quarantena per i positivi al Covid. L’appello è rivolto al Governo italiano che si formerà nei prossimi giorni, ovviamente impegnato anche sul fronte del virus. I messaggi si moltiplicano di settimana in settimana perché ci sono misure di prevenzione ancora oggi in vigore che però non sono più coerenti con l’attuale situazione epidemiologica.

“Oggi il Covid è un parente stretto dell’influenza e come tale andrebbe considerato”, afferma Matteo Bassetti che spiega: “la stragrande maggioranza di chi ha il tampone positivo ha mal di gola, febbre, male alle ossa, tosse. I classici sintomi dell’influenza. Levare l’isolamento obbligatorio e forzato sarebbe un atto di convivenza moderna con il virus. Come conviviamo con l’influenza e molti altri microbi che causano infezioni delle vie respiratorie”.

Sulla stessa linea d’onda è Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’Ospedale Sacco di Milano, secondo lui bisognerebbe limitarsi a “responsabilizzare al fatto che chi è sintomatico, o chi sa di essere positivo, nella comunità dovrebbe indossare una mascherina, soprattutto se è a contatto con anziani e fragili”. Gismondo sottolinea comunque la differenza di trattamento che dovrebbe essere riservata agli anziani e i fragili: “in presenza di queste persone dovremmo adottare le stesse misure, evitando di contagiare soprattutto anziani e fragili, rischiando di causare loro una patologia grave”.

Anche Mauro Pistello, vicepresidente della Società italiana di microbiologia, considera che l’abolizione della quarantena per gli asintomatici possa essere un passo in avanti. “Le persone possono uscire indossando una Ffp2 e con senso di responsabilità rispetto ai fragili”, potrebbe essere il cambio di passo più giusto in questo momento.