fbpx

Concluso il primo consiglio dei ministri, Giorgia Meloni: “saremo una bella sorpresa per l’Italia”

primo consiglio dei ministri governo meloni

Meloni in consiglio dei ministri esprime un sentito ringraziamento a Mattarella

ll Presidente Giorgia Meloni ha aperto il Consiglio dei ministri che si è riunito a Palazzo Chigi domenica 23 ottobre 2022 alle ore 12.33 e si è concluso dopo poco alle ore 13:00, con un sentito ringraziamento al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Presidente ha successivamente formulato la proposta di nomina a Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del dott. Alfredo Mantovano, con le funzioni di Segretario del Consiglio medesimo.

Il Consiglio ha condiviso la proposta e il Sottosegretario Mantovano ha prestato giuramento e assunto le proprie funzioni. Il Presidente Meloni, concorde il Consiglio dei ministri, ha inoltre proceduto all’attribuzione delle funzioni ai Vicepresidenti del Consiglio, on. Antonio Tajani e sen. Matteo Salvini.

Il Presidente Meloni ha, infine, conferito ai Ministri senza portafoglio i seguenti incarichi: per i rapporti con il Parlamento, al sen. Luca Ciriani; per la pubblica amministrazione, al sen. Paolo Zangrillo; per gli affari regionali e le autonomie, al sen. Roberto Calderoli; per le politiche del mare e per il Sud, al sen. Sebastiano Musumeci; per gli affari europei, le politiche di coesione e il Piano nazionale di ripresa e resilienza, all’on. Raffaele Fitto; per lo sport e i giovani, al dott. Andrea Abodi; per la famiglia, la natalità e le pari opportunità, all’on. Eugenia Maria Roccella; per le disabilità, alla dott.ssa Alessandra Locatelli; per le riforme, alla sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati. Al termine del Consiglio, il Presidente e i Vicepresidenti hanno rivolto gli auguri di buon lavoro ai Ministri e al Sottosegretario alla Presidenza.

La presidente Meloni ci ha detto che siamo chiamati a dimostrare che il governo sarà una grande sorpresa per tutti, saremo una bella sorpresa per l’Italia e lavoreremo per questo“. Lo ha detto, lasciando palazzo Chigi il ministro per i rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, al termine del Cdm.