fbpx

La Cittanovese ricorda le leggende Morreale e Proto: l’iniziativa prima della partita di domenica

cittanovese Serie D

A margine della partita Cittanovese-Licata di domenica 23 ottobre, la Società rinnoverà il profondo legame con i due indimenticati protagonisti giallorossi consegnando ai familiari due targhe commemorative

Nel cinquantesimo anniversario della loro prematura scomparsa, la Società A.S.D. Cittanovese Calcio ricorda commossa le leggende del calcio giallorosso Mommetto Morreale e Totò Proto. Due figure fulgide e indimenticate che, da calciatori prima e in seguito da dirigenti, con il loro impegno, i loro valori e la loro passione, hanno saputo scrivere pagine indelebili di sport, condivisione e identità al servizio di una intera comunità cittadina, onorando in ogni momento la gloriosa maglia giallorossa. Lo scorso 21 ottobre è stato celebrato un anniversario dall’alto valore simbolico che ha visto pienamente coinvolti il presidente, i dirigenti, i collaboratori, i tifosi, gli appassionati e i cittadini. A margine della partita Cittanovese-Licata di domenica 23 ottobre, la Società rinnoverà il profondo legame con i due indimenticati protagonisti giallorossi consegnando ai familiari due targhe commemorative.

“La Cittanovese Calcio – è stato spiegato – fa memoria di due tra i protagonisti più emblematici dell’epopea giallorossa a cui Cittanova ha già tributato, in passato, il nome di questo campo sportivo. A loro l’applauso di un intero popolo, ai loro familiari un abbraccio capace di riallacciare il filo di un racconto che non si è mai interrotto. Il ricordo sincero e la riconoscenza della comunità cittanovese restano immutati a distanza di cinquant’anni dalla scomparsa di Morreale e Proto. Perché il calcio è parte integrante della nostra storia. In questa giornata di ricordo, la Società Cittanovese Calcio intende rinnovare l’affetto e l’amicizia verso tutti i protagonisti della storia calcistica cittanovese che, nel tempo, hanno saputo costruire percorsi di inclusione e passione genuina, nel solco dei valori altissimi dello sport”.