fbpx

Aeroporto,l’ex Assessore a Occhiuto e Cannizzaro: “limitazioni? Vostre parole prive di fondamento”

aeroporto dello stretto occhiuto cannizzaro Foto StrettoWeb

La lunga lettera aperta del Dott. Domenico Francesco Richichi, già Assessore comunale di Reggio Calabria con deleghe all’Aeroporto e all’Urbanistica, rivolta a Occhiuto e Cannizzaro

“Esimio Presidente Roberto Occhiuto, Egregio Onorevole Francesco Cannizzaro, mi rivolgo a Voi perché sto verificando il vostro impegno per il rilancio dell’Aeroporto dello Stretto. Ho letto sulla stampa che le limitazioni sull’Aeroporto di Reggio sono state eliminate. Mi permetto di fare presente che tale comunicazione, che, pure, apre alla speranza il cuore a tanti reggini, e non reggini, risulta esagerata perché, a persone competenti sull’argomento appaiono e sono, assolutamente, prive di fondamento. Nessuna restrizione è stata tolta. Vi è, soltanto, l’impegno di ENAC a passare l’aeroporto, ai sensi della norma EASA 965, dalla classe C alla classe B. E’ solo un impegno e non è gratis. Infatti nella dichiarazione, si dice: “ora SACAL dovrà adoperarsi per realizzare interventi che portino ad una revisione delle restrizioni”. Nei fatti bisognerà progettare, da parte di ENAV, una nuova procedura più sicura che consenta di abbassare le minime (visibilità, altitudine, condizioni meteorologiche ecc.) con costi, enormi, a carico di SACAL che dovrà procedere alla sua realizzazione. In breve, il cambio di categoria è cosa positiva ma comporterà ulteriori incombenze per garantire la sicurezza dei voli”. Comincia così la lunga lettera aperta del Dott. Domenico Francesco Richichi, già Assessore comunale di Reggio Calabria con deleghe all’Aeroporto e all’Urbanistica, rivolta a Occhiuto e Cannizzaro.

“Le restrizioni se, e quando, verranno tolte – prosegue – avranno una loro ufficialità con la emissione di un “notam” e devono essere riportate sull’a.i.p. Italia, unico organo accreditato. Ci vorranno, comunque, anni. Negli anni in cui sono stato Assessore nella città di Reggio Calabria con deleghe all’urbanistica e alle problematiche dell’Aeroporto, si è affrontata, con successo, la delicata condizione della sicurezza dei voli che sta alla base delle regole emanate da ENAC. In atto l’ottemperanza alle disposizioni ENAC permette l’attività volativa. Di seguito limitazione al volo esistenti”.

Sull’aeroporto “Tito Minniti”, oltre quella del “volo a vista”, la tipologia di traffico consentita è quella dei “voli strumentali” (sostanzialmente i voli commerciali) da effettuarsi con alcune restrizioni.

  • Restrizione 1: L’aeroporto non ha piste classificate strumentali ovvero, si opera in totale assenza dell’ausilio di strumentazioni tali da consentire avvicinamenti e decolli in maniera automatizzata.
  • Restrizione 2: A causa di ostacoli naturali ed artificiali (costruzioni), le procedure, nel tratto finale hanno le seguenti limitazioni:

– la pista principale 15/33 è utilizzabile lato RWY33 (avvicinamento da Pellaro), con una pendenza della superficie di avvicinamento 1:30; raggio nominale della curva di avvicinamento finale 3070 mt. Da tali situazioni morfologiche scaturisce l’obbligo di addestramento specifico degli equipaggi.

– la pista principale 15/33, lato RWY15 (avvicinamento da lato Sbarre), a causa di ostacoli foranti la superficie di avvicinamento ha il punto di contatto retratto di 254 mt, rispetto la soglia, con conseguente diminuzione della lunghezza (LDA) disponibile per gli atterraggi (la lunghezza della pista da 2100 metri si accorcia a 1850 metri.). La particolare condizione morfologica delle aree e della infrastruttura, ha portato le piste dello scalo a poter essere utilizzate solo con procedure di avvicinamento di non precisione.

  • Restrizione 3: Per la pista principale, è in vigore una restrizione emessa da ENAC che interessa gli equipaggi: “le compagnie di trasporto pubblico passeggeri (trasporto con più di 9 passeggeri) sono autorizzate ad operare su Reggio Calabria solo se:

– abbiano ricevuto permesso, dalle competenti autorità, ad effettuare avvicinamenti su Reggio del tipo “non stabilizzati” (no ILS)

– abbiano stabilito un programma di istruzione specifico per la qualificazione del pilota responsabile, comprendente un briefing a terra e la familiarizzazione, in volo, tramite ricognizione e/o addestramento adeguato (compreso eventuale simulatore);

– sia assicurata la presenza di un comandante responsabile del velivolo, in possesso di adeguata esperienza, ovvero vanti, almeno, 100 ore volo e 10 tratte, effettuate negli ultimi 120gg consecutivi;

– mantengano la qualificazione per gli avvicinamenti a Reggio conseguibile attraverso almeno un decollo, un atterraggio ed un avvicinamento ogni12 mesi.

Certo che continuerete nell’impegno per l’aeroporto reggino che necessita di limpida verità, oltre che di finanziamenti”.