fbpx

Accuse ad Albanese, il Pd reggino accorre in sua difesa: “dalla minoranza attacchi strumentali”

brunetti-albanese Foto StrettoWeb

Problema caditoie a Reggio Calabria: dopo le accuse di Caridi ad Albanese e le parole di quest’ultimo, il Pd reggino entra in soccorso dell’Assessore

Prima i comizi, poi l’Aeroporto, ora il problema caditoie. A Reggio Calabria continua la campagna elettorale perenne con attacchi, accusa e botta e risposta continui, quotidiani, tra Destra e Sinistra. L’ultima vicenda riguarda le parole del Consigliere Caridi nei confronti dell’Assessore Albanese, il quale ha replicato questo pomeriggio. Ma subito, in suo soccorso, è arrivato anche l’intervento del Pd, che ha difeso Albanese. “Non possiamo restare silenti – affermano in una nota – di fronte all’ennesima strumentalizzazione ad opera di alcuni consiglieri della minoranza presente in Consiglio Comunale che utilizzano i mezzi di informazione (in maniera impropria) come strumento di lotta politica senza mai proporre in tutte le sedi istituzionali elementi di risoluzione dei problemi”. “Ennesimo attacco gratuito – scrivono i consiglieri del Pd – con richiesta di dimissioni nei confronti di un assessore del Partito Democratico, da parte di un pezzo della minoranza che, gonfiato il petto per il recente risultato elettorale, dovuto più a dinamiche nazionali che a reali rapporti di forza territoriali, tenta di farsi sentire o di dimostrare di essere presente nelle dinamiche legate alla risoluzione dei problemi dei cittadini della nostra città”.

“Vorremmo ricordare al consigliere firmatario della richiesta di dimissioni rivolta all’assessore Albanese, uomo che da sempre svolge egregiamente il proprio mandato al Settore dei Lavori Pubblici, che fino ad alcuni mesi fa la delega alle manutenzioni era in capo proprio ad un consigliere che oggi siede tra i banchi dell’opposizione e da quando ha rimesso la delega il settore di concerto con l’assessore ha predisposto un programma folto di interventi appunto per la pulizia delle caditoie della città”. “Inoltre, a sottolineare l’uso strumentale delle dichiarazioni a mezzo stampa, non più tardi dello scorso 20 settembre, lo stesso assessore veniva invitato ai lavori della III Commissione consiliare proprio per relazionare sul settore di sua competenza e lo stesso ha brillantemente esposto il programma degli interventi in essere attenzionati dal settore. Ma non ci pare che sia stata posta nessuna questione sul sistema di deflusso delle acque meteoriche in città. Il lavoro delle Commissioni che dovrebbe essere il laboratorio, la fucina del Consiglio Comunale, in cui maggioranza e minoranza si confrontano in modo democratico e in spirito di collaborazione costruttiva per affrontare i problemi, fornire spunti e proposte e costruire ipotesi di soluzione, viene sistematicamente utilizzato da certa parte della minoranza, quanto mai arrogante e faziosa dopo gli ultimi esiti elettorali, al fine di carpire l’opinione pubblica e guadagnarsi qualche titolo sulla stampa”.