fbpx

Reggio Calabria, vicenda Rsu Flc Cgil del Liceo Da Vinci: interviene anche la Ugl Scuola

inaugurazione anno scolastico liceo da vinci 20 settembre 2021 Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Anche la Ugl Scuola interviene sulla tanto discussa vicenda Rsu Flc Cgil-Serafina Corrado

“Apprendiamo con sconcerto dagli organi di informazione che la Rsu Flc Cgil del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria ha segnalato, alla fine dell’anno scolastico 2021-2022 ed in concomitanza con la fine del mandato della dirigente-reggente Prof.ssa Serafina Corrado, un grave disagio patito nelle relazioni sindacali. La delegazione Ugl Scuola non ha mai rilevato questo grave disagio patito dai colleghi sindacalisti della Flg Cgil a relazionarsi con la dirigenza, né il loro sindacato ha mai denunciato ne segnalato, fatti o atti nel corso dell’anno, che potessero far pensare ad un comportamento anomalo della dirigente-reggente”. E’ quanto si legge nella nota della delegazione Ugl Scuola in merito alla tanto discussa vicenda Rsu Flc Cgil-Serafina Corrado. La nota è a firma delle Prof Maria Teresa Frega, dirigente sindacale provinciale, e Annamaria Saraceno, dirigente sindacale regionale.

“Infatti l’attività scolastica ha registrato un anno positivo per il Liceo Leonardo Da Vinci e duole a questa delegazione Ugl Scuola dell’istituto, prendere atto di questa conclusione così inattesa, ritenendo che una diatriba dai risvolti personali, che poteva e doveva essere risolta privatamente dalle due parti, sia stata fatta oggetto di pubblico comunicato, per iniziativa della su coinvolta, coinvolgendo tutto l’assetto istituzionale”, si legge ancora. “La nostra delegazione dell’Ugl scuola sarà comunque sempre presente e rimarremo a vigilare, perché episodi come questo non accadano in futuro, perché il nostro obiettivo è e sarà sempre la tutela della verità, della giustizia e dell’onestà intellettuale, sia che si tratti di problemi inerenti i docenti e del personale Ata nessuno escluso, sia che si tratti di problemi riguardanti i dirigenti scolastici”, si chiude la nota.