fbpx

Reggio Calabria, dopo anni riapre l’Infopoint in Via Marina. Con una novità…

  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
  • Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
    Foto di Consolato Cicciù / StrettoWeb
/

Nessuna “satizzeria”, per dirla alla reggina. L’attività principale, infatti, rimane quella di Infopoint, appunto, con annesse attività accessorie e servizio bar

E’ rimasto fermo per anni, chiuso, serrato, abbandonato al proprio destino, in concomitanza con il decadimento di una città che pensa sempre di aver toccato il fondo ma che sprofonda sempre più. L’Infopoint in Via Marina, simbolo della Reggio Calabria che fino a qualche anno accoglieva tanti turisti soprattutto nella stagione estiva, ha riaperto. Sospiro di sollievo nel vedere finalmente, quantomeno, le serrande alzate e un po’ di movimento.

In questi giorni, anche per via del ritorno delle celebrazioni di Festa di Madonna, la riapertura del chioschetto ha fatto discutere perché a detta di qualcuno lo stesso sarebbe stato trasformato in luogo di vendita e consumo di panini con la salsiccia, attività nota in queste giornate mariane. Per capirne di più, questa mattina siamo andati direttamente sul posto. Il chioschetto era aperto, è attivo da un po’ ma ancora sono diversi i lavori da effettuare per renderlo operativo al 100%. Come si può vedere da alcune immagini a corredo dell’articolo, infatti, gli operai erano all’opera per installare l’insegna “Informazioni Turistiche”, la quale sarà utile a tutti i turisti che, passando da lì, capiranno che è il luogo giusto per chiedere informazioni di qualsiasi tipo su come spostarsi in città.

Nessuna “satizzeria”, per dirla alla reggina. L’attività principale, infatti, rimane quella di Infopoint, appunto, con annesse attività accessorie e servizio bar. Non ci sono panini con frittole o salsiccia, ma la volontà di rilanciare un luogo simbolico coniugando l’aspetto turistico a quello di servizio e consumo. Insomma, una nuova doppia finalità. Lo scopo principale, quello di guida a chi arriva per la prima volta Reggio Calabria, e la novità, legittima, intrigante e logica: offrire agli stessi la possibilità, se necessario e richiesto, di una bevanda fresca. Il chioschetto, di proprietà del Comune, è stato assegnato a chi ha vinto il bando, una società cooperativa che avrà dunque il compito di rispettare le finalità sopra descritte. Tra l’altro, è anche quanto si legge nella determina di affidamento da parte del Comune: “servizio di gestione chiosco Infopoint di proprietà comunale sito in Viale Genoese Zerbi – la nota – per lo svolgimento delle attività di informazioni turistiche, con annessa possibilità di svolgere attività commerciale”.

Riapre l’Infopoint a Reggio Calabria, la lettera di un imprenditore: “potrebbe avere risvolti positivi”