fbpx

Reggio Calabria ricorda il DJ Giuseppe Lucisano: ricavato di due serate donato all’Hospice Via delle Stelle

DJ Giuseppe Lucisano

“Quando la movida fa del bene”: il ricavato di due serate di agosto, organizzate da Club House e Rose Cafè in ricordo del DJ Giuseppe Lucisano, è andato all’Hospice Via delle Stelle di Reggio Calabria

Ad agosto si sono svolti due party benefici, organizzati da Club House e Rose Cafè Reggio Calabria, in ricordo di Giuseppe Lucisano, amato deejay reggino scomparso lo scorso anno. Gli organizzatori, per voce di Umberto Sinicropi, comunicano che nei giorni scorsi il ricavato delle due “Réunion”, entrambe avvenute al Gitano di Favazzina, è stato donato con un bonifico sul conto intestato Hospice Via delle Stelle di Reggio Calabria. Un gesto in onore di quell’amico scomparso, per dimostrare che la movida non è sempre citata solo per “cattive notizie”.

Entrambi i party hanno visto la partecipazione di tanta gente che ormai non frequenta la night life da tempo ed hanno regalato forse momenti unici durante questa stagione estiva, facendo capire che, quando dietro ad un evento c’è una idea artisticamente fondata sul divertimento e non solo sul lucro, le cose possono diventare indimenticabili. Gli amici del Clubhouse e del Rose Cafè che hanno segnato gli anni della movida reggina dal 2000 in poi hanno voluto però regalare questi momenti di felicità ai loro amici permettendo allo stesso tempo di raccogliere dei fondi per il famoso Hospice Reggino che da tempo affianca i bisognosi di cure.

“È stato il modo per ricordare un amico, che con i suoi sorrisi ci ha insegnato che la musica deve unire e mai dividere. Ci siamo ritrovati, abbiamo ballato insieme e salutato Peppe dandoci appuntamento però a nuovi incontri nel segno di quel desiderio di vivere in libertà la vita. Con intensità, passione e forza. La stessa forza che ha avuto il nostro amico lottando per tanto tempo. Dobbiamo ringraziare tutti gli organizzatori dell’evento, la Gitano family per la disponibilità dataci e soprattutto gli artisti che hanno suonato in modo gratuito arrivando anche da posti lontani. A loro e ai tanti amici diciamo grazie per aver dimostrato che la notte può donare sorrisi e costruire del bene. Per noi e per le future generazioni”, ha detto l’organizzatore delle due “Réunion” Umberto Sinicropi.