fbpx

Sabato frittole, apparecchia la Reggina! Ancora accademia al Granillo: schiantato il Palermo, è 3-0!

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
/

Reggina-Palermo, tutti gli aggiornamenti in tempo reale: formazioni ufficiali, cronaca testuale live e, a fine gara, tabellino, commento, pagelle e dichiarazioni post gara

Manca poco a Festa di Madonna, ma la Reggina, le frittole, le prepara in anticipo. Di sabato, come da tradizione. Gli amaranto apparecchiano la tavola al Granillo e servono, come antipasto, tre polpette al malcapitato Palermo: Fabbian, Menez e Liotti. E Inzaghi, al tris, esplode come se avesse segnato lui.

La partita. Conferma tutti Inzaghi, cambia molto Corini, che inserisce i nuovi. Il primo quarto d’ora è un “vortice di tutto”: emozioni, ritmi altissimi, occasioni. E passa la Reggina: corner, spizza Cionek, Fabbian fa l’Inzaghi e cambia subito il match. Il Palermo sale, fa la partita, e la Reggina gioca in ripartenza, sprecando un contropiede clamoroso con Menez. Ma nella ripresa, siccome il francese “non è studiato”, per dirla al linguaggio social, riceve palla dalla sinistra, si accentra e la mette all’incrocio. Viene giù il Granillo. Rischia di rovinare lo spettacolo, Cionek, che falcia Di Mariano – dimostrando di soffrirlo dopo che è stato spostato a destra – e si prende il rosso. Reggina in 10, dunque. Soffre? Macché! Cicerelli riceve, si gira, va in mezzo, e Liotti la chiude. 3-0, il Granillo è una bolgia, Reggio sogna.

Reggina-Palermo 3-0, il tabellino

Marcatori: 7′ Fabbian, 58′ Ménez, 73′ Liotti.

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi (46′ Camporese), Cionek, Gagliolo, Di Chiara; Fabbian, Crisetig, Majer (64′ Liotti); Canotto (61′ Cicerelli), Ménez (64′ Loiacono), Rivas (82′ Gori). A disposizione: Ravaglia, Dutu, Giraudo, Agostinelli, Lombardi, Santander, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Palermo (4-3-3): Pigliacelli; Buttaru, Nedelcearu, Bettella, Mateju (68′ Sala); Saric (54′ Damiani), Stulac, Segre (68′ Floriano); Elia (80′ Vido), Brunori, Di Mariano (80′ Soleri). A disposizione: Grotta, Massolo, Pierozzi E., Marconi, Doda, Lancini. Allenatore: Eugenio Corini.

Arbitro: Luca Massimi di Termoli. Assistenti: Alessandro Cipressa di Lecce e Alessio Saccenti di Modena. IV ufficiale: Michele Giordano di Novara. VAR: Marco Piccinini di Forlì. A-VAR: Vittorio Di Gioia di Nola.

Note – Spettatori: 13.013 di cui 819 ospiti. Ammoniti: Pierozzi (R), Di Chiara (R), Canotto (R), Bettella (P). Espulsi: Cionek al 62′, Bettella all’85’ per somma di ammonizioni. Calci d’angolo: 3-7. Recupero: 3′ pt, 5′ st.

Reggina-Palermo 3-0, le pagelle di StrettoWeb: Fabbian, fai un po’ quello che vuoi. Menez? Boh…

Serie B, risultati e classifica: il Cosenza strappa il pari a Terni, Reggina prima in attesa del Genoa

RISULTATI SERIE B

ore 14:00

  • Ascoli Cittadella 0-0
  • Bari Spal 2-2
  • Brescia Perugia 2-1
  • Frosinone Como 2-0
  • Reggina Palermo 3-0
  • Ternana Cosenza 1-1
  • Venezia Benevento 0-2

Ore 16:15

  • Genoa Parma 0-0

CLASSIFICA SERIE B

  • Reggina 9
  • Frosinone 9
  • Brescia 9
  • Ascoli 8
  • Benevento 7
  • Cosenza 7
  • Genoa 7
  • Cagliari 7
  • Bari 6
  • Cittadella 5
  • Parma 5
  • Spal 5
  • Palermo 4
  • Venezia 4
  • Ternana 4
  • Modena 3
  • Como 2
  • Pisa 1
  • Perugia 1
  • Sudtirol 0

Reggina-Palermo, cronaca testuale live

90’+5 – E’ finita: spettacolo al Granillo, la Reggina vince 3-0 contro il Palermo!

90′ – 5 minuti di recupero.

85′ – Parità numerica: rosso anche per il Palermo, espulso Elia, già ammonito per fallo su Cicerelli. La partita era comunque già chiusa.

73′ – E SONO TREEE! La Reggina fa il tris in inferiorità: grande giocata di Cicerelli sulla destra, che scappa via e mette in mezzo per Liotti; tap-in vincente e 3-0. Che spettacolo e che spettacolo Inzaghi, che esulta come se avesse segnato un gol.

67′ – Entrano Sala e Floriano per il Palermo, che adesso si gioca il tutto per tutto. E Di Mariano su corner cicca clamorosamente da due passi.

66′ – Giallo a Bettella, che ferma Fabbian lanciato in profondità. Punizione da posizione defilata, la batte Cicerelli ma è fuori.

64′ – Rosso per Cionek, fallaccio su Di Mariano! La Reggina resta in 10 e Inzaghi si cautela con Loiacono e Liotti per Menez e Majer. Precedentemente era entrato Cicerelli per Canotto. Resta solo un cambio al tecnico amaranto.

60′ – E SONO DUEEEE, LA REGGINA RADDOPPIAA!! Contropiede magistrale che parte da Majer, che sradica il pallone, serve Canotto, poi Rivas, poi Menez, che ne salta due, si accentra e la mette all’incrocio: magia!

55′ – Brivido verso Colombi: pallone in mezzo, Cionek si perde Di Mariano, che conclude di testa ma la palla è fuori. Altra occasione un minuto dopo e Di Chiara salva sulla linea, ma era fuorigioco.

52′ – Ritmi più bassi, perlomeno in questo inizio di ripresa, ma era abbastanza prevedibile dopo la grande intensità del primo tempo. Il Palermo non ha cominciato come aveva terminato, al momento il suo baricentro è basso e in attesa. E nel frattempo c’è il primo cambio anche per i rosanero: entra Damiani per Saric.

47′ – Subito occasionissima per la Reggina! Scambio veloce in area Majer-Menez, che allarga per Rivas ad occhi chiusi: il tiro dell’honduregno è deviato in corner.

46′ – Comincia la ripresa di Reggina-Palermo: ora gli amaranto attaccheranno verso la bolgia della Curva Sud. Prima del fischio d’inizio, lo stadio saluta gli ultimi due nuovi arrivati, Hernani e Bouah, arrivati due giorni fa e non convocati perché ancora da valutare. Inzaghi inserisce Camporese per Pierozzi (ammonito), spostando Cionek a destra per contenere Di Mariano.

SECONDO TEMPO

DATO SPETTATORI – Reggina-Palermo, il dato ufficiale e definitivo degli spettatori al Granillo: è già record stagionale!

45’+3 – Si chiude il primo tempo, un bel primo tempo: Reggina avanti, ma il Palermo non demorde, si concludono 45 minuti tosti.

45′ – Sono 3 i minuti di recupero.

41′ – In questo primo tempo, diversi cambi di gioco errati da parte della Reggina, che prova spesso a verticalizzare dai centrali alle ali, Rivas e Canotto.

38′ – Altro giallo per la Reggina, è il terzo: ammonito Canotto, che ferma con le cattive Di Mariano, il quale era ripartito velocissimo sulla destra dopo una mancata occasione amaranto.

32′ – Dopo un inizio di marca amaranto, adesso il Palermo è rientrato in partita e prova a schiacciare gli amaranto, i quali rispondono provando a difendersi e ripartire.

30′ – Clamoroso errore di Menez! In campo aperto, 4vs1, il francese sbaglia un appoggio semplicissimo, condannando anche al giallo Di Chiara nel ribaltamento di fronte. Che peccato.

27′ – Cooling break al Granillo.

25′ – Al Granillo la partita è bellissima: non c’è un attimo di tregua, tra capovolgimenti di fronte continui e grandi ritmi, mentre c’è la prima conclusione del Palermo, con Segre, che manda fuori di testa.

21′ – Ora il Palermo prova a sfruttare i calci piazzati, la Reggina cerca di gestire.

18′ – Primo ammonito del match, è per gli amaranto: giallo a Pierozzi.

17′ – Raddoppia Rivas, ma è fuorigioco: grande apertura di Menez per l’honduregno, che è sul filo, aspetta il pallone e supera Pigliacelli con uno scavetto. Il guardialinee alza la bandierina.

12′ – Entrano adesso allo stadio gli ultras del Palermo, che cominciano a riempire il settore ospiti.

6′ – REGGINA IN VANTAGGIO, CHE PARTENZAAA!! Corner, spizza Cionek, c’è Fabbian da due passi che di testa batte a botta sicura. Cambia subito il risultato, che spettacolo al Granillo!

3′ – Che partenza al Granillo! Ritmi micidiali sin da subito, con capovolgimenti immediati da una parte e dall’altro: la prima occasione per Rivas, che ribatte a botta sicura, ma l’arbitro fischia un fallo.

1′ – Si parte: comincia Reggina-Palermo!

PRIMO TEMPO

Reggina-Palermo, prepartita

ore 13.49 – Ecco l’omaggio a Maurizio Poli. Il patron Saladini e il Presidente Cardona gli consegnano la maglia omaggio (col suo storico numero 3) e la targa, gesti accompagnati dalla splendida ovazione di tutto lo stadio, che si alza in piedi e canta: “c’è solo un capitano, Maurizio uno di noi!”. Brividi al Granillo, mentre Poli si avvicina alla Curva e i tifosi gli consegnano la sciarpa.

ore 13.45 – Come già annunciato dalla società, oggi al Granillo c’è un ospite speciale: l’indimenticato capitano e bandiera Maurizio Poli. Al momento è a bordo campo, a discutere con la proprietà e i dirigenti. Ci sono infatti Cardona, Saladini e anche Taibi, come di consueto tutti presenti all’interno del terreno di gioco, mentre lo stadio comincia a riempirsi. Meno 15 minuti all’inizio.

ore 13.25 – La Curva Sud comincia a riempirsi: sarà praticamente sold out. Già presenti anche un gruppetto di tifosi del Palermo, accorsi in massa nel settore. E nel frattempo mister Inzaghi entra in campo e gli ultras lo accolgono con un coro e un lungo applauso, lui ricambia salutando.

Reggina-Palermo, formazioni ufficiali

Come previsto alla vigilia, mister Inzaghi non cambia nulla: confermata in toto la formazione che molto bene ha fatto contro il Sudtirol. Quindi sempre Cionek preferito a Camporese, Di Chiara a sinistra, Majer e Fabbian mezz’ali e Menez falso nueve, con Canotto a destra e Rivas a sinistra. Corini invece mette dentro, sin dal primo minuto, gran parte dei nuovi, rivoluzionando totalmente la formazione rispetto a quella che ha perso in casa contro l’Ascoli. Ci sono Bettella, Mateju, il centrocampo nuovo di zecca e Di Mariano.

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Cionek, Gagliolo, Di Chiara; Fabbian, Crisetig, Majer; Canotto, Ménez, Rivas. A disposizione: Ravaglia, Dutu, Loiacono, Camporese, Liotti, Giraudo, Agostinelli, Lombardi, Gori, Cicerelli, Santander, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Palermo (4-3-3): Pigliacelli; Buttaru, Nedelcearu, Bettella, Mateju; Saric, Stulac, Segre; Elia, Brunori, Di Mariano. A disposizione: Grotta, Massolo, Pierozzi E., Sala, Floriano, Marconi, Vido, Damiani, Doda, Soleri, Lancini. Allenatore: Eugenio Corini.

Arbitro: Luca Massimi di Termoli. Assistenti: Alessandro Cipressa di Lecce e Alessio Saccenti di Modena. IV ufficiale: Michele Giordano di Novara. VAR: Marco Piccinini di Forlì. A-VAR: Vittorio Di Gioia di Nola.