fbpx

Museo Archeologico Reggio Calabria, oltre 3000 visitatori per la prima domenica di settembre!

bus turistico reggio calabria museo nazionale Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Giovedì sera doppio appuntamento sulla terrazza del MarRC

Dopo l’emozionante visita del Capitano di Vascello della nave scuola Amerigo Vespucci in omaggio al Cinquantesimo anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace, è in programma al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria un doppio appuntamento per le Notti d’Estate di giovedì 8 settembre. In occasione delle prossime Festività mariane, che la Città di Reggio Calabria offre alla Madre della Consolazione, alle 19.30 si terrà la presentazione del documentario “La Vara. Un restauro aperto”, promosso e curato dal Segretariato Regionale della Calabria del Ministero della Cultura.

Il filmato illustrerà il complesso progetto conservativo che ha interessato la monumentale macchina processionale, su cui poggia la cornice d’argento che accoglie il cinquecentesco dipinto di Nicolò Andrea Capriolo ed è decorata da altorilievi ed ex voto risalenti al XVIII secolo.

La serata proseguirà alle 21.00 con l’incontro promosso dal Centro Internazionale Scrittori della Calabria, nell’ambito del ciclo dedicato al “Il mito nei testi e nell’archeologia”. “Che sbaglio la guerra di Troia! Variante del mito: da Euripide a Strauss-Hofmannsthal” il titolo della conferenza della prof.ssa Paola Radici Colace, ordinario di Filologia Classica all’Università degli Studi di Messina e presidente onorario e direttore scientifico del CIS Calabria. Introdurranno la serata il direttore del Museo, Carmelo Malacrino, e la presidente del CIS Calabria, Loreley Rosita Borruto. Un tema che ha sempre affascinato tutti, quello della fine della città di Troia, e che ha offerto spunti a grandi tragediografi, compositori e storici. Da Euripide a Strauss e Hofmannsthal, il teatro ha da sempre snocciolato personaggi “sopravvissuti alla guerra”, raccontandone storie ed emozioni.

Eco dell’eterna tragedia della felicità individuale esposta alla follia collettiva, metafora di una condizione geografica che si trasforma, sotto tutti i soli, in problema politico animando focolai di contesa mai estinti, la Guerra di Troia ricomincia sempre, da tremila anni nelle zone del Bosforo e della Crimea  – commenta Radici Colace –. Ma la Guerra di Troia era necessaria, o non è stato uno sbaglio, un guaio per tutti, vinti e vincitori?“. A questo interrogativo cercherà di dare risposta la conferenza, analizzando gli spunti drammaturgici antichi e moderni.

Si sta per concludere un’estate ricca di eventi, in un anno particolarmente significativo per il Museo, in cui celebriamo il Cinquantesimo anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace – afferma il direttore del Museo, Carmelo Malacrino. È stato un grande successo di pubblico, con quasi 45.000 presenze nel solo mese di agosto. Ma è stato, in particolare, un trionfo della nostra comunità, reggina e calabrese. Il Museo è sempre più un luogo del territorio, nel quale si fondono promozione e valorizzazione di un patrimonio culturale a 360 gradi: archeologia, tradizioni, paesaggi, saperi e sapori, nel cuore del Mediterraneo. La fine, ormai prossima, dell’estate ci fa guardare avanti e programmare già le nuove attività della stagione autunnale, con l’entusiasmo – conclude Malacrino – di un ottimo inizio del mese di settembre, con oltre 3000 visitatori nella prima domenica del mese”.

Gli eventi in programmazione sulla terrazza rientrano nel biglietto d’ingresso valido anche per gli spazi espositivi e le mostre temporanee, che giovedì costerà solo 3 euro già a partire dalle 19.30. La capienza massima di pubblico sulla terrazza è di 90 persone. Al Museo si accede senza prenotazione; resta raccomandato l’uso della mascherina chirurgica.