fbpx

Sport e istruzione camminano insieme: così IH British School e Lumaka formano a Reggio Calabria un binomio vincente

/

L’evento organizzato dalle due realtà reggine ha dato il via all’anno scolastico 2022/2023: i bambini di età compresa tra i 5 – 10 anni hanno svolto attività incentrate sul basket utilizzando il vocabolario e la grammatica inglese, facendo sport e imparando allo stesso tempo

Due realtà positive della città di Reggio Calabria hanno fatto squadra e realizzato insieme un percorso di collaborazione. La società Lumaka Mini & Basket e IH British School hanno regalato un pomeriggio di sorrisi ai bambini reggini unendo l’esperienza cestistica e quella linguistica, nello stesso momento. La scuola è certamente il luogo giusto dove promuovere la pratica sportiva, fondamentale per la crescita della persona secondo un corretto stile di vita, ecco perché questi due essenziali elementi dovrebbero sempre camminare di pari passo. L’obiettivo dell’evento è stato proprio questo: con lo svolgimento di diverse attività tutte in inglese, rivolte ai piccoli di età compresa tra i 5-10 anni (separati in gruppi a seconda delle loro età e capacità), è stato possibile esercitarsi in un vero allenamento di basket all’interno di una palestra e all’aria aperta. Attraverso sfide in cui era necessario seguire le istruzioni del coach in lingua straniera, i bambini hanno così migliorato il loro vocabolario personale divertendosi.

“Questo evento è stato un ottimo modo per dare inizio al nuovo anno scolastico e fare nuove conoscenze. Gli studenti, infatti, sono stati in grado di praticare l’inglese in un contesto di vita reale e in maniera significativa. Esperienze come queste sono davvero molto motivanti per i bambini perché permettono loro di imparare una lingua, fuori dal contesto classe, mentre fanno qualcosa che amano e di cui sono appassionati”, ha spiegato Jennifer, Director of Studies per IH British School Reggio Calabria, YL.

“E’ fondamentale che sport e istruzione camminino di pari passo, non per questo il detto recita ‘Mens sana in corpore sano'”, ha spiegato ai microfoni di StrettoWeb il cestista Luca Laganà, giocatore professionista e reggino doc. “I valori dello sport – ha ricordato – sono la cultura, l’avere rispetto degli altri, delle persone con cui si vive e del luogo in cui ci si trova. Lo sport insegna i valori della vita di tutti i giorni, ponendo degli obiettivi da rispettare che quindi responsabilizzano il giovane”. Figlio d’arte, suo padre Lucio è stato uno dei giocatori reggini più stimati in A1 con la maglia della Viola, ha ricordato: “io dico sempre ai miei ragazzi: lo studio e la laurea sono importanti anche per vuole raggiunge un alto livello sportivo, è tutta una questione di organizzazione”.

“L’obiettivo è stato quello di far convivere due realtà positive di Reggio e dare ai bambini un pomeriggio marchiato British-Lumaka, pallacanestro più inglese – ha affermato ancora – . La manifestazione è riuscita perché abbiamo avuto oltre 50 partecipanti, molti dei quali erano esterni, cioè non frequentanti le nostre scuole. L’idea è nata proprio far vivere ai piccoli, in compagnia di altri coetanei, ciò che è la quotidianità dei due aspetti. Sicuramente lo riproporremo in futuro. Il feedback più bello è stato quello di vedere i sorrisi dei bimbi, vederli uscire felici dal campo e sentire i ‘grazie’ dalle famiglie è stata l’esperienza migliore in assoluto. Abbiamo mostrato come viviamo le nostre esperienze, siamo riusciti a trasferire il nostro modus operandi a tante famiglie che non ci conoscevano”.

Per maggiori informazioni consultare i siti ufficiali: