fbpx

Stretto di Messina, che caos! Tre ore di coda sull’A2 Salerno-Reggio Calabria, ecco quanto costa non avere il Ponte | FOTO

/

Giornata drammatica per i trasporti nello Stretto di Messina: code di oltre tre ore sull’A2 Salerno-Reggio Calabria, traffico bloccato anche in direzione Reggio. Le immagini in diretta

Sono aumentati a più di tre ore i tempi di attesa per traghettare in Sicilia provenendo da Nord, in auto, tramite l’A2 Salerno-Reggio Calabria, dopo quello che è successo stamattina con il maltempo che ha inondato di fango e detriti il piazzale del molo di Villa San Giovanni bloccando l’accesso ai traghetti di auto e tir e innescando queste ore di ritardo, che poi sono lievitate ulteriormente nel corso della giornata. Come possiamo osservare nelle immagini a corredo dell’articolo, nel piazzale di Villa San Giovanni sono in corso i lavori per ripulire l’asfalto dagli effetti del nubifragio ma intanto raggiungere la Sicilia da Nord è diventata una vera e propria Odissea.

Il traffico è nel caos, come conferma l’Anas con una nota ufficiale in cui parla di “tempi di attesa agli imbarchi per la Sicilia di circa tre ore“, aggiungendo che “si registrano code di circa 2 km lungo l’A2, tra lo svincolo di Santa Trada e lo svincolo di Villa San Giovanni“. Queste code, visibili nelle immagini a corredo dell’articolo, non bloccano soltanto il traffico verso la Sicilia, ma anche la viabilità ordinaria dell’autostrada in direzione Reggio. Un viaggiatore che si sposta da Cosenza a Reggio o anche solo da Palmi a Reggio, o qualsiasi altro mezzo diretto a Reggio che non ha nulla a che fare con la Sicilia e con i traghettamenti dello Stretto, rimane ore bloccato in autostrada per gli ingorghi dovuti ai trasporti con la Sicilia.

Proprio per sbloccare questa situazione, sull’A2 Salerno-Reggio Calabria è stata istituita l’uscita obbligatoria per tutti i veicoli presso lo svincolo di Rosarno con stoccaggio dei veicoli diretti in Sicilia presso l’area portuale di Gioia Tauro, mentre i veicoli diretti a Reggio Calabria potranno rientrare al medesimo svincolo e proseguire in A2. Con questa manovra, le autorità sperano nell’arco di poche ore di ripristinare quantomeno la viabilità ordinaria verso Reggio, ma saranno inevitabili ulteriori ritardi per traghettare in Sicilia: ecco quanto costa l’assenza del Ponte sullo Stretto. Se fosse in piedi, tutti questi disagi non ci sarebbero né oggi né mai con vantaggi straordinari in termini di risparmio di soldi e di tempi, di interscambio e di sviluppo tra Calabria e Sicilia.

Maltempo, il fango blocca il molo di Villa San Giovanni: fermi i traghetti dello Stretto | VIDEO

Disagi a Villa San Giovanni, la nota della Caronte & Tourist

Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto stamattina sui piazzali d’imbarco a Villa San Giovanni dalla nostra squadra di pronto intervento che è riuscita, operando in condizioni estremamente difficili, a ridurre al minimo possibile i tempi d’imbarco e i disagi per i nostri passeggeri”. Caronte & Tourist, la società che gestisce i trasporti dello Stretto, parla così dell’emergenza scattata stamattina nell’area portuale di Villa, a causa della piena di un torrente che ha trascinato verso il mare tonnellate di fango e detriti invadendo anche i piazzali d’imbarco e rallentando pesantemente le normali operazioni di traghettamento.

La squadra di pronto intervento che abbiamo formato tre anni fa, operativa h24 in caso di emergenze, ha dato anche stavolta una ottima prova di sé. Dieci uomini e tre bobcat hanno lavorato senza sosta per tutta la mattina, per rispristinare la normalità. A loro va il nostro più sincero e sentito ringraziamento” – conclude la nota di Caronte & Tourist.