fbpx

Medici da Cuba in Calabria, Italexit: “vergogna assoluta, si reintegrino sanitari sospesi”

medici cubani Foto Ansa

Da parte di Occhiuto e dell’Asp di Reggio Calabria “sono state soltanto false smentite”

“La serietà di un politico, anzitutto, dovrebbe fondarsi sulla parola data. Invece, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto – come il suo partito, Forza Italia, e la maggioranza di centrodestra tutta – continua a smentire se stesso, e anche in maniera piuttosto clamorosa”. E’ quanto scrive in un comunicato Italexit con Paragone – Reggio Calabria, in merito alla vicenda della possibilità di assunzione di 497 medici cubani a decorrere da settembre, con relativa elargizione stipendiale. Il movimento chiede, piuttosto, di reintegrare i professionisti attualmente sospesi per non aver rispettato l’obbligo vaccinale anti-Covid.

“Avevamo promesso – si legge ancora – di seguire la vicenda e, purtroppo, ci troviamo a confermare quanto paventato in precedenza, al netto delle (false) smentite di Occhiuto e dell’Asp di Reggio Calabria. Ritrattazioni di cui pure avevamo dato conto, invero credendoci molto poco”. Italexit con Paragone – Calabria non accetta “una simile vergogna. A fronte dei 30 mila sanitari segnalati in tutta Italia; a fronte degli oltre 2 mila sanitari sospesi dagli ospedali di tutto il territorio nazionale; a fronte delle decine e decine di medici e sanitari calabresi sospesi anch’essi dal servizio, o “semplicemente” diffidati per non aver adempiuto al più becero obbligo vaccinale della storia del Paese, si pescano medici e specialisti provenienti addirittura da un altro continente e che nemmeno parlano l’italiano! Una cosa totalmente assurda anche solo da concepire, almeno per quanto ci riguarda”.

Ancora più paradossale, secondo il movimento di Paragone, “è il fatto che questi professionisti vengano assunti con regolare contratto interinale, mentre la Calabria si trova a dover fronteggiare un blocco totale delle assunzioni dei medici italiani da ben 12 anni. Un provvedimento, quello del famigerato Piano di Rientro, votato proprio da centrodestra, centrosinistra e Movimento cinque stelle. Ma, in fondo, di che stupirsi? Il presidente Occhiuto è colui che ha candidamente affermato in Tv di aver messo ‘Wanted sui no vax’. La sua crociata verso i non vaccinati, va ben tenuto a mente, viene sostenuta da tutte le forze presenti nella giunta in carica: Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia”.