fbpx

Jovanotti incantato dai Bronzi: “andate a vederli, sono scioccanti. Mi ricordo la lunga fila quando avevo 14 anni…”

bronzi jovanotti

“Quando ho letto la notizia dall’anniversario mi sono emozionato perché mi ricordo che, qualche anno dopo, quando li restaurarono, li hanno esposti al Quirinale e io ero un bambinetto. Avevo 14 anni, mi sono messo in fila tutto il giorno per vederli esposti. C’era questa lunga fila che passava attorno a loro ed erano bellissimi”, ricorda l’artista

Ne ha già fatta abbastanza, di pubblicità in positivo, a Reggio e alla Calabria. Ma una volta in più non fa mai male. Dopo aver “stravolto” per due giorni Scilla e Gerace, qualche mese fa, Lorenzo Jovanotti è tornato nella provincia reggina dove oggi e domani si esibirà nel suo Jova Beach Party a Roccella. Qualche preoccupazione legata al maltempo, dopo i nubifragi di questa mattina, ma lui ha provato a rassicurare. E nella stessa diretta Instagram in cui ha parlato delle previsioni, l’artista ha fatto un breve cenno ai Bronzi di Riace, dal momento che tra qualche giorno ricorre il 50° anniversario.

“In questi giorni – evidenzia Jovanotti – ricorre il 50° anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace. Li hanno ritrovati proprio qui, a 3-4 km da qua. E quando ho letto la notizia dall’anniversario mi sono emozionato perché mi ricordo che, qualche anno dopo, quando li restaurarono, li hanno esposti al Quirinale e io ero un bambinetto. Avevo 14 anni, mi sono messo in fila tutto il giorno per vederli esposti. C’era questa lunga fila che passava attorno a loro ed erano bellissimi. Poi siamo venuti a Reggio Calabria, per un concerto, e li abbiamo visti al Museo, un po’ di tempo dopo. Sono due meraviglie, una bella esperienza. Se non li avete mai visti vi consiglio di andare, è una visione molto potente. Non so esattamente in che epoca della Magna Grecia siano stati realizzati, credo 2 mila anni fa. In ogni caso sono scioccanti per la bellezza“.