fbpx

Elezioni, Unione Popolare: de Magistris raccoglie le firme in (quasi) tutta Italia

unione popolare raccolta firme

Il movimento del portavoce Luigi de Magistris sarà presente sulla maggior parte del territorio nazionale alle prossime elezioni politiche del 25 settembre

Unione Popolare ha annunciato di aver raccolto le firme in quasi tutti i collegi plurinominali in cui le stavano raccogliendo tranne in Molise, in alcune aree della Sicilia (Marsala, Trapani, Agrigento) e del Piemonte (Biella, Novara, Vercelli, Domodossola). A questo punto probabile il movimento del portavoce Luigi de Magistris sarà presente sulla maggior parte del territorio nazionale alle prossime elezioni politiche del 25 settembre. Una sfida inizialmente non facile da raggiungere, che però sembra essere stata superata.

“La raccolta firme è un’ostacolo che lo Stato mette alle forze politiche che vogliono riprendersi la democrazia, per rappresentare una voce alternativa, ambientalista, pacifista e per una giustizia sociale ed economica”, era il commento di qualche giorno fa.

De Magistris presenta il programma elettorale di Unione Popolare: 120 le proposte

“Abbiamo appena pubblicato sul nostro sito “L’Italia di cui abbiamo bisogno” il programma di Unione Popolare. 120 proposte che offrono soluzioni per i principali problemi del paese, rimettendo al centro la collettività e i suoi bisogni”. Lo afferma Luigi de Magistris, portavoce di Unione popolare. “È un programma per la pace, per la giustizia sociale ed ambientale, per i diritti dei lavoratori, per gli studenti, per i pensionati. Per tutti coloro che in questi anni si sono sentiti colpevolizzati da chi, ricco e privilegiato, si rifiuta di ammettere che le politiche che gli garantiscono ricchezza e privilegio stanno distruggendo il Paese. È un programma – prosegue de Magistris in una nota – contro i professionisti del malaffare, contro i detentori di rendite di posizione che, pur di mantenere queste rendite, sono disposti a peggiorare la vita di chi ha già poco. Contro tutte le Mafie, sia quelle della strada sia quelle dei colletti bianchi, contro la corruzione, contro la grande evasione”.

“È un programma contro chi devasta l’ambiente, contro chi sfrutta i sogni, le speranze e i talenti dei giovani per garantirsi il più bieco profitto”, si legge nel comunicato. “È un programma per la salute, per l’istruzione, per l’acqua. Per i diritti e i beni pubblici, perché la cosa pubblica torni ad essere al servizio di tutti i cittadini. Un programma per la pace. Perché il ruolo storico del nostro paese è quello di centro del Mediterraneo, luogo di unione e cooperazione tra popoli e culture. È un programma che lotta contro la povertà, perché la povertà non è una colpa, ma solo una condizione. Ed è compito dello Stato migliorare la condizione di chi sta peggio, non colpevolizzarlo mentre si garantisce il privilegio di chi ha troppo. È un programma per le periferie. Per il Sud da tempo dimenticato e per quel Nord che ormai è diventato anch’esso periferia. Perché il mondo non finisce nelle ZTL di poche grandi città”, conclude l’ex sindaco di Napoli.