fbpx

Caridi (FI): “Torrente Archi Carmine ripulito 10 giorni fa, ma ora Teknoservice deve fare la sua parte”

  • Torrente Archi Carmine Dopo
    Torrente Archi Carmine Dopo
  • Torrente Archi Carmine Dopo
    Torrente Archi Carmine Dopo
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
  • Torrente Archi Carmine Prima
    Torrente Archi Carmine Prima
/

Parole di Antonino Caridi, consigliere comunale di Forza Italia, sceso in campo in prima persona nei giorni scorsi per ripristinare la normalità lungo uno dei principali torrenti di Reggio Calabria. Caridi, con la sua denuncia, intende mettere in guardia gli Enti dal rischio che deriverebbe in caso di persistente maltempo

“Sono trascorsi 10 giorni da quando, su mio input ed impegno personale, il Consorzio di Bonifica è intervenuto sul torrente Archi Carmine per ripulirlo da sterpaglie e arbusti, riportandolo alla normalità dopo aver assunto i connotati di vera e propria giungla (come può vedersi dalle foto a corredo). Tutto ciò a zero spese per la Città metropolitana, che detiene la responsabilità rispetto alla manutenzione dei torrenti. In cambio avevamo chiesto soltanto che Teknoservice prendesse l’impegno di ripulire dal materiale di risulta al termine dell’intervento; un servizio che non può certo essere realizzato dal Consorzio di Bonifica o da altri. Impegno preso. Eppure dal 10 agosto ad oggi, neppure un centimetro di tutto il torrente Archi Carmine è stato ripulito. Lo segnaliamo pubblicamente non solo per evidenziare il mancato intervento di Teknoservice come da accordi, ma soprattutto per mettere in guardia tutti dal potenziale pericolo che deriva dalla mancata pulizia”. Parole di Antonino Caridi, consigliere comunale di Forza Italia, sceso in campo in prima persona nei giorni scorsi per ripristinare la normalità lungo uno dei principali torrenti di Reggio Calabria. Caridi, con la sua denuncia, intende mettere in guardia gli Enti dal rischio che deriverebbe in caso di persistente maltempo.

“La mia preoccupazione è proprio questa – continua Caridi – che le bombe d’acqua previste in questo periodo di condizioni meteo instabili possano compattare e trascinare il materiale non raccolto fino a valle, creando un effetto tappo che in passato ha causato molti danni alla cittadinanza. Abbiamo visto e stiamo vedendo anche in questi giorni quanti danni può arrecare il maltempo. Abbiamo realizzato quell’intervento 10 giorni fa appunto in vista dell’arrivo delle piogge. Il passaggio successivo avrebbe dovuto essere la raccolta del materiale da parte della Società addetta alla pulizia. Cosa che a tutt’oggi non è avvenuta, nonostante i ripetuti solleciti rivolti ad amministratori e dirigenti preposti. Pertanto, nel ringraziare il Consorzio di Bonifica per il tempestivo e importante intervento, a costo zero per la Città Metropolitana – conclude il Consigliere Caridi – rivolgo un invito ai settori di competenza affinché predispongano con assoluta urgenza gli interventi necessari per garantire la sicurezza dei luoghi, ad oggi messa a serio rischio”.