fbpx

Reggina: la Cremonese non convoca Valzania, ma l’affare resta in salita. Svelate le cifre per Di Chiara

Luca Valzania Foto di Claudio Giovannini / Ansa

Sempre Valzania e Di Chiara i nomi caldi in entrata della Reggina per mettere a punto un organico già importante, ma la situazione non resta facilissima nonostante diversi tasselli si stiano andando ad incastrare a favore di un buon esito

Ulteriore indizio nell’asse Cremonese-Reggina per Valzania: il centrocampista non è stato infatti convocato da Alvini per il match di Coppa Italia di questa sera tra i grigiorossi e la Ternana. Tuttavia, secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, la situazione resta in salita. Fonti societarie riferiscono di un affare ancora di non così semplice risoluzione, seppur sempre più tasselli si stiano andando ad incastrare a favore di un buon esito. E’ risaputo che il giocatore volesse provare a giocarsi le sue chance in Serie A dopo la promozione conquistata, ma i piani della società lombarda sembrano essere diversi da inizio pre-campionato, con il centrocampista utilizzato solo in qualche spezzone (o come riserva) nelle amichevoli estive. Si attendeva qualche altro calciatore in quel ruolo, puntualmente arrivato, e cioè Escalante. E la non-convocazione di oggi pare mettere un ulteriore pietra sopra.

Al netto delle porte sempre più chiuse, però, ci sono tutta una serie di situazioni da incastrare, come affermato dal ds Taibi la scorsa settimana. La Reggina corteggia il giocatore da settimane: porte quasi mai completamente chiuse, giocando sulla voglia di riscatto del ragazzo, su Inzaghi allenatore e su un organico importante per la B. Il tempo, fino a fine agosto, c’è, la società amaranto non ha fretta.

Discorso molto simile per Gianluca Di Chiara, l’altro vero e dichiarato obiettivo del club dello Stretto. Anche qui tanti indizi: dalle conferme di Taibi alle mancate convocazioni passando per le parole del tecnico del Perugia Castori. Ma qui, anche se le intenzioni del terzino sono abbastanza chiare, c’è sempre da risolvere la grana con la società umbra, che non vuole fare sconti agli amaranto. E il quotidiano La Nazione, oggi, svela anche le cifre: “il Perugia – si legge – valuta il cartellino del calciatore circa cinquecentomila euro, la Reggina vuole uno sconto per riportare a Reggio il laterale sinistro. Il Grifo potrebbe trattare, ma difficilmente si discosterà di molto dalla cifra iniziale. Di Chiara ha ancora due anni di contratto al Perugia a cifre sicuramente alte per un difensore, c’è quindi la volontà reciproca di chiudere il rapporto”.