fbpx

Movida a Reggio Calabria, musica al chiuso e dal vivo: cambiano le norme

reggio calabria lidi movida

La sinergia tra l’assessore Martino e Confesercenti Reggio Calabria ha risolto alcuni dei problemi che lamentavano i proprietari di bar, ristoranti e lidi

La musica di sottofondo al chiuso, quella che accompagna e allieta le serate nei locali di Reggio Calabria, non dovrà più cessare entro un orario definito ma potrà continuare fino alla chiusura del locale. E’ questa la decisione figlia della una sinergia costruttiva avviata con l’Assessore Angela Martino: “è finalmente stata emanata la nuova ordinanza sulle emissioni sonore che accoglie le richieste di Confesercenti Reggio Calabria e risolve alcune criticità con le quali sino ad oggi i pubblici esercizi dovevano fare i conti”, scrive il presidente Claudio Aloisio in una nota. Per il numero uno di Confesercenti Reggio Calabria era un’anomalia “quella di interrompere la filodiffusione, che per sua natura non può nuocere alla quiete pubblica, finalmente eliminata”.

Ad essere regolamentata è stata anche la musica dal vivo, che sarà gestita in maniera diversa: esteso l’orario estivo di trenta minuti dando così la possibilità, sempre nel rispetto delle regole, di poter assistere ad esibizioni live fino all’1:30. “Un giusto compromesso – prosegue Aloisio – tra la tutela della quiete pubblica e le esigenze ludiche dei turisti che visitano la Città dello Stretto così come dei reggini che escono per passare una serata serena e divertente. Si è inoltre risolta un’altra incongruenza che costringeva i Gazebo insistenti sulla parte bassa del lungomare a cessare le emissioni sonore un’ora e mezza prima dei Lidi creando un’inspiegabile differenza tra locali praticamente dirimpettai. Con la nuova ordinanza gli orari sono stai equiparati eliminando così questa ingiusta discriminante e permettendo un’attività omogenea nella parte della città vocata alla vita notturna”.

“Vogliamo quindi, come Confesercenti Reggio Calabria, ringraziare l’Amministrazione con a capo il Sindaco ff Paolo Brunetti firmatario dell’ordinanza, che ha inteso venire incontro alle richieste dei tanti locali cittadini che proprio nei mesi estivi svolgono la gran parte del loro lavoro dandogli la possibilità di poter operare al meglio. Crediamo che questo risultato sia l’esempio di come un rapporto positivo tra Enti e Associazioni Datoriali, al di là di sterili enunciazioni, possa portare a risultati concreti e proficui per le imprese e la comunità reggina, inserendo al contempo un piccolo tassello utile ad iniziare a valorizzare la vocazione turistica della nostra città”, conclude la nota del presidente di Confesercenti Reggio Calabria.