fbpx

Caldo estremo a Messina, stop carrozze trainate da cavalli: l’ordinanza del Sindaco

carrozza trainata da cavallo

Come in altre città d’Italia, anche a Messina si fermano per l’estate le carrozze trainate da cavalli: “stop alla circolazione quando fa troppo caldo”

Stop alle carrozze trainate dai cavalli anche a Messina. Il sindaco Federico Basile, sulla scia di quanto fatto anche dai suoi predecessori ha disposto una serie di divieti: in base al provvedimento firmato dal primo cittadino e valido fino al 30 settembre, “è vietata la circolazione di veicoli o vetture pubbliche a traino animale nonché ogni attività di trazione e trasporto di equidi quando c’è troppo caldo. In particolare, “quando la protezione civile regionale dirama l’avviso per la presenza di ondate di calore di particolare intensità con livello di rischio pari a 3, vale il divieto di circolazione fino alle 18 del pomeriggio. La sera le attività sono consentite purché che le condizioni climatiche lo consentano e che la temperatura sia sotto ai 30°. Inoltre, l’attività dei cavalli è vietata fino al 15 settembre dalle ore 13:30 alle ore 15:30, così come disciplinato nel “Regolamento per la tutela ed il benessere degli animali e la loro convivenza con i cittadini” deliberato dal Consiglio Comunale nel 2019″.

Nel periodo di divieto di circolazione l’ordinanza sindacale dispone anche che ai cavalli venga garantita idonea movimentazione e cura al fine del benessere fisiologico, secondo le indicazioni impartite dalla commissione medico veterinaria dell’Asp.

Cavalli stremati dal caldo, denunce in tutta la Sicilia

“Siamo in un’epoca di transizione, di grandi mutamenti sociali ed economici. La nostra Palermo, dopo aver subito l’incuria totale di una gestione politica deleteria, cieca e sorda ad ogni evidenza sociale ed ad ogni cambiamento culturale vero, oggi, con la nuova amministrazione, riteniamo sia auspicabile dare una svolta vera alla sua antichissima storia”. E’ quanto scrive in una nota l’Associazione consumatori RETE SOCIALE ATTIVA sede regionale della Sicilia che “in questi giorni ha ricevuto tantissime segnalazioni, di cittadini, di giovani e di associazioni in difesa dei nostri amici a quattro zampe, che denunciano quanto avviene nella nostra meravigliosa Capitale dell’antico Regno di Sicilia; dove assistiamo ancora oggi alla vergognosa barbarie dello sfruttamento dei cavalli che trainano le carrozze con pletore di turisti”.

“Anche in Italia finalmente – si legge ancora – esistono diverse Leggi che tutelano il diritto al rispetto ed alla vita degli animali, dichiara la responsabile di Rete Sociale Attiva Palermo Dr.ssa Isabella Geraci. E’ impensabile, rincara la dose il Segretario Regionale di Rete Sociale Attiva Dr. Andrea Monteleone, che ancora nel 2022 Palermo non abbia un regolamento che tuteli il diritto alla Vita degli animali domestici e gli animali utilizzati ai fini imprenditoriali dagli esseri umani. In questo periodo, nel quale in Sicilia si toccano i 40 e passa gradi all’ombra, è veramente un massacro emotivo dover subire quotidianamente la vista di tanta sofferenza; cavalli sudati, con la bava alla bocca, stremati e con lo sguardo che chiede pietà…una pietà che non arriva dai loro “padroni”. Non è più accettabile che ancora ad oggi si possa permettere che i cavalli trainino carrozze piene di individui interessati solo a fotografarsi davanti alle bellezze della città scordandosi completamente che un cavallo li sta trainando per tutta la città con 40° all’ombra”.

Come Associazione Consumatori RETE SOCIALE ATTIVA, assieme alle associazioni animaliste “che hanno fatto emergere il problema ed assieme a tutti quei cittadini volenterosi, chiediamo che lo sfruttamento degli animali ai fini economici nel territorio di Palermo venga regolamentato creando regole a loro tutela. Riteniamo condizioni salienti:

  • prevedere dei punti ristoro per questi poveri cavalli dove possano trovare dell’acqua per abbeverarsi e un po’ d’ombra per riprendersi dalla calura;
  • obbligo di interrompere il traino delle carrozze turistiche nella fascia oraria dalle 11,30 alle 17,00 quando la temperatura raggiunge e supera i 28 gradi. Istituire una squadra di controllori, con capacità di polizia, per controllare il rispetto del Regolamento;
  • prevedere sanzioni esemplari per coloro i quali trattano i loro animali in maniera violenta e selvaggia.

Ricordiamoci tutti, che nei secoli passati dobbiamo tantissimo ai cavalli, ed oggi la nostra civiltà si è evoluta grazie a questi splendidi e nobili animali che hanno trainato l’evoluzione della civiltà quale è oggi. Avere una città “friendly” verso i nostri amici animali è anche un modo di distinguersi dalle altre città italiane e questo aspetto darà vita ad un nuovo impulso sociale ed economico per il benessere di tutti gli abitanti di Palermo, animali compresi. Assieme al SINALP regionale Sicilia già quest’anno abbiamo attivato, mettendo a disposizione gratuitamente la nostra sede di Santa Flavia, un punto ASP per la microcippatura e l’anagrafe canina. Infine come Rete Sociale Attiva ci permettiamo di proporre alla nuova amministrazione di Palermo che che sarebbe auspicabile prevedere una scontistica sull’IMU per tutti quei cittadini che adottino un animale per compagnia”, conclude la nota firmata dai dottori Isabella Geraci e Andrea Monteleone.