fbpx

L’Asp di Messina non rinnova i contratti del personale scaduti il 30 giugno, l’onorevole Calderone: “disparità di trattamento”

asp messina Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

“Questo è un discorso che va chiarito, una volta per tutte. Lo chiedo a nome di tutto quel personale che si è visto troncare il rapporto di lavoro senza nemmeno un preavviso e che non merita questa disparità di trattamento”, ha detto l’onorevole Tommaso Calderone

Un deciso intervento in aula per chiedere l’audizione dell’Assessore Regionale alla Salute, Ruggero Razza, in merito alla decisione dell’Asp di Messina di non rinnovare i contratti in scadenza lo scorso 30 giugno per alcune figure professionali impegnate in prima linea nell’emergenza Covid-19. L’onorevole Tommaso Calderone, capogruppo di Forza Italia all’Ars, ha evidenziato la decisione dell’Azienda Sanitaria messinese che, in questo preciso momento storico di pandemia, appare decisamente in controtendenza rispetto a quella dei vertici sanitari di altre province siciliane.

“Accade che, in tutte le altre province siciliane, tecnici della prevenzione, biologi tat, assistenti sociali, psicologi abbiano avuto rinnovato il contratto. Mentre così non ha ritenuto di dovere fare l’Asp di Messina. Allora il problema è questo: o i vertici dell’Asp 5 Messina hanno ragione oppure hanno preso un abbaglio i vertici delle altre otto province siciliane. E intanto la curva dei contagi Covid aumenta vertiginosamente. Questo è un discorso che va chiarito, una volta per tutte. Lo chiedo a nome di tutto quel personale che si è visto troncare il rapporto di lavoro senza nemmeno un preavviso e che non merita questa disparità di trattamento. Io, come deputato del territorio, ho l’obbligo non tanto di preservare quelle categorie professionali, quanto di salvaguardare i cittadini della mia provincia. Se andiamo a togliere figure professionali, andiamo a danneggiare il territorio e la salute dei cittadini”. All’intervento dell’Onorevole Tommaso Calderone ha fatto seguito quello dell’Assessore Razza che, dal canto suo, ha assicurato che si occuperà della delicata questione a brevissimo e quindi già nei prossimi giorni.