Categoria: CALABRIANEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria: allo Spazio Open l’incontro con Carlo Menga

Reggio Calabria: si terrà venerdì 1 luglio alle ore 18,00 presso lo Spazio Open di Via Filippini l’incontro con Carlo Menga e con la sua ultima fatica letteraria “Al diavolo l’anima”

Nell’ambito degli incontri con l’Autore promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos e dallo Spazio Open si terrà venerdì 1 luglio alle ore 18,00 presso lo Spazio Open di Via Filippini l’incontro con Carlo Menga e con la sua ultima fatica letteraria “Al diavolo l’anima”. A parlare del volume la Prof.ssa Francesca Neri e la Dott.ssa Daniela Scuncia. Carlo Ernesto Menga è nato il 29 Ottobre 1955 a Reggio Calabria. È autore di una traduzione del Saggio per una nuova teoria della visione di George Berkeley (Napoli, 1982), di una raccolta di racconti: “Consenso presunto” (Reggio Calabria, 1995), di due saggi contenuti in due volumi dei “Quaderni di Methodologia”: AA.VV., “Categorie, tempo e linguaggio” (Roma, 1998) e AA.VV., “Studi in memoria di Silvio Ceccato” (Roma, 1999), del volume di poesie “Dove conduce la notte” (Reggio Calabria, 2012) e dei romanzi “Uno squillo di tromba” (Reggio Calabria, 2003), “Col pretesto dei gatti” (Reggio Calabria, 2014), “Discanto per voce sola” (Reggio Calabria, 2016), “Biancaneve al di qua della fiaba” (Reggio Calabria, 2020) e nel 2021 “A ttavula cunzata” sempre con Città del Sole edizioni.

Ha collaborato alle riviste Methodologia (organo della Soc. di Cultura Metodologico- Operativa) e Malvagia, quadrimestrale della cultura sommersa. Dal 1996 al 2003 ha tenuto la rubrica mensile Segnali di fumo, di critica della pubblicità, su “A” Rivista Anarchica. Come scrive la prof.ssa Maria Luisa Neri nella sua postfazione Menga guarda con sottile ironia, non esente da una profonda vena di dissacrazione, alla diuturna fatica con cui l’individuo instaura relazioni, si sforza di mantenerle in vita, tenta di giustificarne il rilievo, vi attribuisce valore. “Certe volte – scrive l’Autore – mi dico: ma se Proust, che certamente non era pigro, è riuscito a scrivere tutte quelle pagine ispirato e stuzzicato dal sapore delle madeleines inzuppate nel tè, io, se riuscissi a vincere la mia pigrizia, riuscirei ad arrivare a scriverne almeno un bel po’ se mi lasciassi trasportare dal ricordo di lasagne verdi al ragù?